Cerca

ITALIA AMMINISTRATA DA SCHIFO

"Il Ministro per l'Integrazione, così banale e incolore, è solo un meschino strumento nelle mani di un governo inqualificabile per catalizzare lo scontento delle politiche sull'immigrazione verso un obiettivo insignificante, il classico "utile idiota". Così inizia una riflessione che ho pensato di riportare qui tra virgolette, perché degna di nota e meritevole di maggior diffusione. Essa così prosegue: "spero di non venir processata per direttissima per questa semplice e abusata definizione, come successo a Dolores Velandro, ex Consigliere di quartiere della Lega padovana condannata con insolita solerzia e accanito livore! A proposito: perché il Consigliere comunale di Sel di Cavarzere (Venezia), Angelo Romano Garbin, non ha ricevuto lo stesso trattamento per un intervento questa volta realmente violento, volgare e doppiamente disdicevole e razzista (nei confronti di una donna ma soprattutto verso i negri "assatanati")? Trovo patetico e insopportabile il modo cantilenante della Kyenge nel rifilarci senza pudore pensieri minimi e banali ma fortemente offensivi per la nostra intelligenza, la nostra morale, la nostra dignità e il più elementare senso di giustizia. Preferisco rivolgermi ai politici che purtroppo ancora detengono un immeritato potere: risparmiateci il supplizio inflittoci da giornalisti complici e servili della santificazione quotidiana di questo Ministro dell'Integrazione indesiderato e incompetente e, se vi rimane un po’ di coscienza, occupatevi di coloro che in Italia soffrono davvero per soprusi, prepotenze, parzialità, illegittimità che vedono spesso privilegiati stranieri indegni, colpevoli, prepotenti. Mi trattengo dall'elencare nel dettaglio gli innumerevoli esempi relativi agli incidenti, spesso mortali e devastanti, provocati da individui privi di patente e di assicurazione, alle aggressioni violente per furti e stupri, alle rapine compiute nelle abitazioni e nei negozi da criminali spietati e tutelati più delle povere vittime… Si potrebbe continuare con la lunga lista di ingiustificati e intollerabili privilegi a vantaggio di immigrati, sempre più esigenti e insaziabili, a danno delle persone più deboli della nostra povera società: anziani, malati, bambini, disoccupati. Sarebbe un modo più onesto e corretto di promuovere la vera integrazione." Direi che l’autrice della lettera ha descritto molto bene la situazione. L'Italia è amministrata in modo indegno e vergognoso. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog