Cerca

Siamo già in un regime, ora rischiamo la dittatura

Direttore, Credo che lei sia tra i pochi ad avere colto il senso della lotta all'ultimo sangue in Italia negli ultimi venti anni. Altro che problema Berlusconi! Per chi ha occhi per vedere, la cosa è semplice. Il Pd è da lustri, con i voti dei suoi elettori, quasi tutti dipendenti pubblici, il bacino elettorale dei poteri forti, passati, vent'anni fa, dalla Dc al Pci. E' così agevole rapinare e avere la maschera di democratici! I capi di quel popolo dei poteri forti siedono nei gangli vitali della repubblica ed esercitano, di fatto, il potere reale nel Paese. Come Ludovico il Moro e i boss di tanti staterelli italiani di mezzo millennio fa, i poteri forti invocano potenze straniere in loro appoggio nel farsi guerra tra loro. Ieri e oggi Francia o Spagna purché se magna. New entry la Germania dei propri di poteri forti intenti a portare avanti il progetto di IV Reich. A che tanto dibattere e discutere su questioni di lana caprina? Persino Lucia Annnziata se n'è accorta: facendo sobbalzare Enrico Mentana che l'ha esortata a non fare allusioni oscure, ieri sera sulla 7 ha fatto capire che la "stabilità" è diventato un mantra di comodo per "illuminati", tra cui Abi e Confindustria (sic!), illuminati, aggiungo io, legittimati da Napolitano e serviti da Monti prima e da Letta poi. Se i professionisti, gli artigiani, i piccoli imprenditori, i giovani che sanno lottare per il proprio futuro continueranno a non andare a votare, perché amareggiati e disillusi, l'Italia cadrà definitivamente in un regime senza neanche le parvenze di una democrazia che oggi ancora ha, seppure sfilacciate. Un regime così si chiama dittatura 2.0, versione moderna secondo millennio. L'ultima speranza? Che i media dicano ciò che a molti è chiaro da anni e convincano gli astenuti a tornare a votare. Se dobbiamo pagare altre tasse, che siano almeno il prezzo del riscatto. Questa è l'unica vera resistenza per cui debbono combattere i difensori della libertà e della democrazia. Saluti cordiali. Enrico Francot

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog