Cerca

Siamo nelle mani della Santanchè

Quagliarello ha rifiutato di obbedire all'ordine sollecitato dalla Santanchè e imposto dall'alto. Altri faranno lo stesso, è fuori discussione. Berlusconi, a questo punto, è meglio che tolga il disturbo, perché di disturbo si tratta quando si dispone decisioni, senza un minimo di concertazione, senza che il Partito abbia - con voto democratico - abbia espresso, ma che dico, discusso nulla. Chi si crede di essere ' sto bauscia: il partito non è Mediaset. Pretendere che il Pdl sposi a scatola chiusa le sue ..."necessità" mi sembra proprio un'enormità. Non ha mai accettato d'indire un congresso: lui si è nominato da solo e si è circondato da una corte di adulatori, tipo Santanchè: E' mai concepibile che l'elettorato accetti questo di cose? Io sono certo di no: è finita l'epoca del mandato ad occhi chiusi, fidando sulla paura di essere "governati" dai comunisti. Questo ricatto è finito: il PD galleggerà, proprio come ha fatto Berlusconi quando ha avuto un consenso plebiscitario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog