Cerca

CI HANNO ESPROPRIATO ANCHE DELLA CITTADINANZA

A che cosa serve più avere la cittadinanza italiana? Alla chetichella e di nascosto, per non suscitare clamore, con la scusa dell'integrazione, il governo Letta ha appena approvato una legge che rende possibile l'accesso a tutti i posti pubblici -cui tantissimi Italiani, per la cronaca, tuttora fortemente ambiscono- a qualunque immigrato che possieda un semplice permesso di soggiorno, a qualsiasi titolo, anche temporaneo. Credo che gli Italiani siano stati traditi e svenduti dai propri rappresentanti parlamentari, compresi quelli del Cetrodestra, e non importa se questi lo hanno fatto su pressione dell'UE. Alla fine, l'integrazione saremo costretti a chiederla noi. Gli immigrati, che continuano ad arrivare sempre più numerosi, potranno competere con gli Italiani per un posto di lavoro pubblico, più probabilmente un posto di bidello nelle scuole, piuttosto che di insegnante, o di manutentore, magazziniere, inserviente, cuoco o altro. Niente di eclatante, ma un posto ancora sicuro che è ingiusto regalare agli ultimi arrivati: i quali non devono, come noi, mettersi in coda, ma hanno per legge il diritto di saltare la fila. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog