Cerca

AIR PANAREA e LE IENE

0
Ringrazio le migliaia di persone che si sono adoperate a comunicarci tempestivamente e a priori la loro solidarietà a seguito del programma televisivo "Le Iene" trasmesso da MEDIASET nella serata del 26 Ottobre. Molti di loro avevano ampiamente vagliato l'argomento attraverso un dossier ad opera dello scrivente, pubblicato sul sito di eolienews il 22 Settembre del 2012 e redatto in occasione della visita delle "Iene". Rimango basito in primo luogo, di come dei professionisti d'indiscussa correttezza deontologica possano arbitrariamente strumentalizzare e deformare la realtà dei fatti. In seconda, cosa ancor più grave, tutte le precisazioni di seguito riportate erano già state, a suo tempo, ampiamente comunicate agli estensori del servizio durante l'intervista, con chiarezza e proprietà di termini, ma ciò non è servito a dissuaderli a rieasaminare i propri propositi. Appare opportuno evidenziare che il predetto servizio è stato realizzato attraverso un gravissimo stravolgimento dei fatti di seguito elencati: - Gli elicotteri e i piloti definiti "Pirati" sono aeromobili e persone sottoposte al controllo dell'ENAC che ne garantisce l'affidabilità e il divieto sulle Eolie è stato promosso dall'ARTA e rigettato dall'ENAC - il lavoro con il gancio baricentrico ripreso nel servizio televisivo, è stato effettuato con un elicottero utilizzato da una società concorrente che di fatto ha applicato una livrea simile a quella utilizzata dai vettori dell'Air Panarea S.r.l.; infatti, l'elicottero mostrato nel predetto servizio è un Eurocopter AS 350 BA, diverso da quello impiegato per Air Panarea - Eurocopter AS 350 B3 plus -; - il sedicente trasporto di sacchi con "rifiuti speciali" non è mai stato effettuato per conto dell’Air Panarea S.r.l. ma bensì da altro elicottero esercito da altro vettore - circostanza già sottoposta con apposita denuncia all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria competente! -; infatti, è stato appurato che altri vettori nell'esercizio di attività di trasporto aereo hanno utilizzato - e continuano a utilizzare! - big bags marchiati Air Panarea; detta circostanza è resa possibile in quanto nell'attività di intermediazione di lavoro aereo è consuetudine cedere, attraverso una regolare vendita ai propri clienti, i big bags monouso che, dopo l’espletamento dell’attività di trasporto di materiali edili, vengono lasciati nella disponibilità degli stessi. Successivamente, con alto grado di probabilità, ne consentono il riutilizzo per i trasporti commissionati ad altri vettori; - la Air Panarea ha sempre operato nel rispetto della sicurezza del volo, dell'ambiente e delle normative; le riprese effettuate sono assemblate in modo forzoso verso una strumentalizzazione "scandalistica", tipica delle notizie fornite da quel programma e non veritiere; piloti e specialisti cui viene affidato il compito di operare, lo fanno con professionalità e in totale sicurezza; un esempio della predetta strumentalizzazione è l’aver riempito d’enfasi l’operazione di sbarco del passeggero per opera del pilota che lascia l'elicottero in moto, (sull'elicottero impiegato il pilota è seduto a destra), in realtà è lo specialista di supporto per le operazioni di sbarco passeggeri che si adopera a far scendere il passeggero e non il pilota! -Per non parlare dell'elicottero abbandonato alla mercè di chiunque per focalizzare l'attenzione dei telespettatori sull'inaffidabilità di operatori che trattano gli aeromobili con la massima trascuratezza. In realtà, si evince dalle immagini che si era in prossimità del tramonto e le riprese sono state effettuate mentre gli addetti alla manutenzione erano andati a cambiarsi d'abito nella vicinissima abitazione, oppure, contesto più probabile, dopo aver chiesto al tecnico manutentore di avvicinarsi, effettuando futivamente le riprese. Tengo a precisare che i vettori di base con i loro elicotteri a Panarea, alla sera provvedono ad apporre come da normativa i sigilli nelle varie aperture degli aeromobili, sportelli, vani bagagli e tappo serbatoio e sopra la base esiste una guardiania presidiata h 24. - la Air Panarea effettua brokeraggio per la vendita di biglietti per trasporto passeggeri nel rispetto delle normative, dei notams e delle zone proibite e regolamentate, come la zona dello Stromboli; infatti, anche l'elicottero ripreso nell’intento di effettuare voli turistici non è quello di base a Panarea. In ogni caso, i voli a carattere ludico proposti e suggeriti ai clienti che hanno una frequenza annuale di ca. 10/12 tour, si limitano esclusivamente alla vista dall'alto dello Stromboli, in ottemperanza al sudetto NOTAM che di fatto pone il divieto a non avvicinarsi entro un raggio di un miglio dal cratere. Per limitare l'impatto acustico che l'elicottero comporta, le richieste che pervengono dalle altre isole non vengono soddisfatte, questi voli sullo Stromboli vengono effettuati con partenza e arrivo dall'elisuperficie di Panarea. La Air Panarea ha sempre operato con estrema diligenza, correttezza e professionalità, fornendo a favore della collettività supporto in condizioni critiche e di emergenza e collaborando con tutti gli Enti preposti alla salvaguardia del patrimonio ambientale delle Isole Eolie. -Air Panarea ha affrontato un costo importante per una perizia di valutazione d'incidenza con tanto di rotte di accesso, chiesta dalla pregevole Amministrazione di Malfa al fine di regolamentare l'approdo presso l'area adiacente all'elisuperficie del 118. Ebbene, dopo una conferenza di servizi decisoria alla quale hanno invitato gli Enti Siciliani preposti alla tutela dell'ambiente, ENAC, ENAV, Forestale, la lungimirante Amministrazione di Malfa capitaniata dal Sindaco Salvatore Longhitano ha deciso che l'elicottero è un mezzo insostituibile e fruibile attraverso una regolamentazione adeguata. Lo scrivente ha invitato l'Amministrazione di Lipari a promuovere la medesima procedura e per assottigliare i tempi tecnici ha inviato all'uopo una bozza procedurale propositiva della quale disconosco l'esito . Come d'altro canto, per quanto riguarda Lipari, la richiesta per realizzare una elisuperficie a basso impatto ambientale, nell'unico posto possibile, e a totale carico di Air Panarea ad oggi non è stato dato riscontro alcuno. -L'intento della compagine Societaria è di fornire un servizio alternativo per i residenti e per la clientela esigente che di fatto produce ricchezza per l'economia Eoliana; molti dei nostri affezzionati sostenitori hanno acquistato la loro abitazione per le vacanze estive esclusivamente perchè facilmente raggiungibili con il mezzo aereo, una casa da ristrutturare significa indotto economico per l'edilizia e le griglie artigianali e commerciali connesse. L'ambizioso progetto prevede di implementare ogni isola dell'infrastruttura necessaria al fine di garantire la continuità territoriale nella formula di voli schedulati a basso costo per i residenti, vedi le Tremiti nelle quali tale servizio è operativo da oltre 28 anni e durante il periodo invernale il costo del biglietto è ridotto a ca. 25,00 euro! -Per questo approfitto della finestra sull'argomento per illustrare ai lettori le due elisuperfici già realizzate da Air Panarea e delle quali, scusate per l'eccesso d'immodestia, ne vado fiero per la perfetta omogeneità ambientale. Quella di Panarea è operativa dal 2004 mentre quella nuova di Milazzo è in via di certificazione -Senza le infrastrutture adeguate è impensabile poter dare seguito ad un progetto di voli schedulati per le isole Eolie, l'elisuperficie di Milazzo rappresenta il punto di partenza dopo il quale spetta alla volontà del Popolo Sovrano e delle istituzioni affinchè si concretizzi. E per quanto riguarda il Falco della Regina...leggete il dossier del 22 Settembre 2012 su eolie news.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media