Cerca

Minuscola riduzione del cuneo fiscale nella legge di stabilità

Ritengo assolutamente giusta la battaglia per la riduzione del cuneo fiscale , che Confindustria conduce, ma sono perplesso sui risultati che si stanno conseguendo, e nella conseguente mancanza di forte reazione. In particolare, ricordo che inizalmente Confindustria ha richiesto una diminuzione di almeno il 10% di detto cuneo fiscale (che oggi è stimato in quasi il 53,4%). Si trattava di una richiesta coraggiosa,corrispondente a una diminuzione, tra imposte, e contributi (inclusa IRAP) di circa 64 Miliardi ( pari a 4% del PIL). Questa richiesta è stata poi derubricata successivamente, da parte confindustriale, in 10 Miliardi e finalmente 5 Miliardi. Oggi alcune anticipazioni avanzano l’ ipotesi che la legge di stabilità contenga una riduzione di cuneo fiscale nel 2014 di circa 3 Miliardi, ossia una diminuzione dello 0,4% del cuneo fiscale., che, se non erro, passerebbe al 53% dalla quota del 53,4 % attuale.Se anche la diminuzione fosse di 5 Miliardi, la riduzione sarebbe minimale (0,8%, passando a 52,6%). Avevo sperato dalle comunicazioni del Presidente del Consiglio al Parlamento che si sarebbe impostata una riduzione del cuneo fiscale, che invece mi pare collocata da parte, e non ho capito quale sia la posizione confindustriale a riguardo. Luigi Lavorgna, Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog