Cerca

Italia si Italia no

Egregio Direttore, sicuramente lo spettacolo andato in onda ieri da parte della classe politica è stato quanto di più inverosimile possa immaginarsi, ma la cosa più assurda è la meraviglia espressa dai commentatori che sembravano essere caduti dal pero ,meravigliati ma da cosa ,oramai è palese che una classe dirigente si è trasformata in classe dirigibile che và dove soffia il vento( e non solo) ,ma ciò vale anche per tante altre categorie di persone che in questo continuo marasma volano senza mete precise. Purtroppo in Italia quelle scene di mà si forse , le viviamo tutti i giorni, nei comuni, negli uffici ,tribunali ecc. ecc.,all’insegna di tutto ed il contrario di tutto , alla libera interpretazione di pseudo tecnici ,pseudo politici,pseudo impiegati pseudo manager,non sappiamo più quali sono i nostri diritti perché un giorno ci sono ma il giorno dopo ti vengono negati ,come la maggioranza di governo un giorno si un giorno no,pero noi questa incertezza la viviamo da anni non è una novità , ed allora direttore piuttosto che scrivere degli altri (intesi come una cosa che non ci appartiene ) scriviamo delle cose buone e delle cose non buone ,scriviamo dell’esempio positivo da seguire in tutti i campi ,togliamo la scena a queste controfigure politiche che da attori sono diventati stuntman(con tutto il rispetto per gli stuntman) forse oramai la migliore comunicazione resta il passaparola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog