Cerca

Un fatto, una Poesia ....

Un fatto una poesia. dice Letta di Berlusconi, in Camera, dopo il Voto di Fiducia dato da quest’ultimo, al suo Governo: “ È un Grande!”. Epifani…schizza ancora veleno…E poi dici, i rossi…! (2 Ottobre 2013). “Un Granne!” Bollìveno daggià nder callerone facioli a quintalate: un barbottìo accosì forte, proprio – santiddio – che beato chi cià er pieno de cerone in de le recchie da ‘n poté sentì! Già staveno a strappasse li capelli… e a ddì le mardicenze tutti…quelli… e a strillà insurti, ed a stramaledì… Tutti a cercà un riparo…anche ‘n ombrello pe ‘n fasse cascà addosso sto governo che er satanasso uscito da l’inferno già stava a ffà cascà…Sì…proprio…Quello…! Ma, come po’ ffà un tòno, a l’improviso, con un bòtto che chissà si che t’aspetti, ma poi ‘n succède gnente…e però ammetti la gran fifa, Lui - guasi co un soriso – côr microfono, come fusse gnente: “Mi si consenta…”, fa - come fa lui - “bisogna rischiarà sti giorni bui, e io mo accènno un faro, cara gente! ché puro si ce stanno li maligni, maligno, io‘n ce sò…e pe sto Paese io ve do un autentico e palese..” Davero puro!…come sò li cigni… Ar che, quarcuno in arto, accosì spanne un su’ penziero che covava:“È un granne!”. E a ‘sta magnera imbocca ne la storia, e la condanna…je se cammia in gloria! Armando Bettozzi 4 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog