Cerca

DIrettore è stata una pessima idea la fiducia a Letta

Gentile direttore, la fiducia al governo Letta-Napolitano-Kyenge-Boldrini non è stata una buona idea, mi creda. Non è servita a salvare Berlusconi dalla gogna nè a porre un freno alle dichiarazioni terroristiche di Laura Boldrini e Cecil Kyenge su abolizione della Bossi-Fini e invasione di immigrati. Il Pd ne è uscito rafforzato e i giornali di sinistra continuano ad infierire sul Cav. Il Pdl perde pezzi ogni giorno in favore del M5S e siamo solo all'inizio perchè Letta, con le sue ultime dichiarazioni, si è stupidamente rivelato come il mandante del tradimento. Se non si fosse votata la fiducia ora si avrebbe certamente una destra spaccata in due, o forse un terzo e due terzi. Ma..quanto sarebbe potuta durare? Il gruppuscolo Alfaniano, reciso il cordone ombelicale che lo legava al partito d'origine, sarebbe presto morto di atrofia, stritolato dalle dinamiche parlamentari e qualche pecorella, tanto per cominciare, sarebbe da subito tornata all'ovile. Visto che Re Giorgio non ama consultare i suoi sudditi, avrebbe nuovamente conferito l'incarico a Letta il quale sarebbe forse riuscito a raccattare una qualche maggioranza tra Pd, Sel, rottami Pdl, M5S, Monti e paccottiglia varia. E allora? Sarebbero riusciti a governare? Lo sa che Beppe Grillo vorrebbe tutto il Pd in galera? Secondo me ci saremmo divertiti un sacco. Berlusconi ha votato la fiducia per non dividere il Pdl e perchè depresso quindi non molto lucido. Convinto che senza Alfano non si va da nessuna parte -se non è questa mancanza di lucidità- si è fatto consigliare dalle persone sbagliate che visto il suo stato di prostrazione mentale hanno avuto gioco facile nel convincerlo. Orami il danno è fatto, la destra è, se non morta, in ibernazione. Cordiali saluti Giorgio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog