Cerca

Fermiamoli ai LORO confini,non ai nostri !

Leggo : " Come la legge Turco-Napolitano, anche la Bossi-Fini prevede che le persone senza per­messo di soggiorno ma con un documen­to di identità (irregolari) vengano espulse per via amministrativa, cioè dal prefetto. Se la persona è anche senza documenti di identità (clandestino) verrà portata nei Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE) per 60 giorni (erano 30 nella Turco-Napolitano) per l'identificazione. Nel ca­so non venga identificato al clandestino verrà ordinato di lasciare l'Italia entro 3 giorni (prima erano 15)". Tutto bene quel che finisce bene ? Macchè ! Dopo aver speso,fino all'anno 2011, un miliardo di Euro per i CIE,nel 2012 solo metà dei trattenuti sono stati espulsi (si badi bene : non tutti "materialmente" espulsi,perchè il "foglio di via" ad essi consegnato non viene usato correttamente...) Insomma,si conosce con approssimazione il numero degli arrivati,mentre venire a sapere quanti sono realmente tornati nei loro Paesi è cosa più difficile che sapere quante galassie ci circondano. Non sarebbe meglio fermarli,i migranti,all'origine,e quanto meno al porto di partenza,evitando così anche di poter venire accusati di un reato grave,quello di strage ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog