Cerca

LA PARABOLA DELFIGLIOL PRODIGO.

Noi italiani, dai nostri governanti, siamo trattati come nella parabola del figliol prodigo. Per quale ragione dobbiamo comportarci bene, quando uno sconosciuto, anche delinquente, è messo a tavola dal nostro chierichetto Letta, che serve messa sull’altare di Napolitano, Boldrini, Kyenge e k, avallato pure dal nostro Papa, che gli concede tutto quello che a noi è precluso. Che cosa c’entra la Bossi/Fini, il “femminicidio” ecc. con la nostra crisi? Governo a casa! E subito. Cordialmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog