Cerca

e ora che si fa?

Finalmente salvati quei poveri cristi nel mare la politica si e' rifatta il rossetto non ha certo avuto occhio per le ondate massicce via terra europa e fuori, Albania,Serbia,Romania, Marocco,Tunisia, che si e' abbattuta sulla nostra penisola ed anche sugli stati aperti come la Spagna.Diversi i connotati, molte persone sono purtroppo soggette a leggi della loro terra la guerra per bande con guerre, crimine,stupri,supremazia dell'uomo nei costumi hanno poco da insegnare ad una cultura come quella italiana, anche se la classe superiore non ha certo deviato anche qui da queste regole.Non dimentico altri schiavi in primis come i cinesi.Arriviamo al da farsi, dobbiamo noi italiani abbandonare il nostro paese se ne abbiamo la possibilita' o chiedere di cambiare le carte in tavola?Che ferma tutto e' ancora una volta la politica completamente distaccata dai problemi reali dei cittadini anzi lo sappiamo sono proprio coloro che per qualsiasi tornaconto dall'interesse alla disponibilita' degli schiavi ne accondiscendono le pretese, est ed ovest ,Spagna e Italia non sono da meno nella stupidita' di inconcludenti primi ministri .La societa' e' altra cosa a meno che si intenda che il mondo debba continuare come una trottola a girare su se stesso raccogliendo imposte per un gruppo di persone avvezze a vizi di ogni genere nel palazzo e fuori,fatturisti e manager milionari, le due cosche della politica,quella pubblica e quella privata..spartito il bottino signori miei avete forse idea di rimanere per sempre nel bel paradiso dorato mentre il popolo va alla fame?Lascio la risposta a chi ormai non manifesta piu', a chi dopo una cultura quarantennale della sola potenza del danaro crede di non essere in grado di sollevarsi, e' questo il principale nemico della giustizia, cambiare si cambiare,altrimenti non ne usciremo!.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog