Cerca

Caro mensa a Pomezia

Salve, sono una mamma del comune di Pomezia, il polo industriale di Roma, rimasta senza lavoro e con me migliaia di persone in cassa integrazione o mobilità, qui dove tantissime aziende e attività commerciali hanno chiuso negli ultimi tre anni una appresso all’altra! Questo comune, il secondo in mano ai 5 stelle, anche con il mio voto, si è trovato una situazione disastrosa lasciata dalle precedenti giunte. Tutti lo sanno, tutti noi ci aspettavamo delle iniziative diverse da quelle che oggi il sindaco ha intrapreso: ha abbassato le fasce ISEE ha aumentato la quota parte a carico delle famiglie e chi ha un isee di o superiore a 15000€ paga l’intero costo del pasto. Io credo almeno il 70% delle famiglie che abitano nel comune. Mio figlio va al tempo pieno perché quando l’ho iscritto, lavoravo, chi pensava di perdere il lavoro….poi la mia azienda ha chiuso, cosa facevo, toglievo mio figlio dalla classe con cui aveva legato e con cui si trova benissimo? Mi aspettavo dai 5 stelle proposte alternative anche inusuali per far risparmiare il comune ma non certo che venisse a spolpare le famiglie che già sono in difficoltà e che stanno per soccombere sotto i debiti e che con uno stipendio non arrivano alla quarta settimana. Vogliamo come genitori essere ascoltati, neanche questo, il comune tace non convoca dirigenti scolastici per trovare soluzioni e noi siamo costretti a protestare non firmando il contratto annuale che ci lega al servizio di mensa e fornire il pasto da casa e diciamolo pure i bambini sono anche contenti perché a sentir loro la mensa ha fatto sempre “schifo”, meglio il panino di mamma. Vorremmo che tutto ciò venga alla luce del giorno e che qualcuno si interessi per risolvere questo problema che credo sia di vari comuni d’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog