Cerca

paradossi italiani

L'Italia è in ginocchio. I politici hanno una grossa responsabilità della situazione attuale, ma non sono i soli colpevoli. Loro vanno dove tira il vento o meglio i voti. Raccolgono i pensieri della gente e si destreggiano di conseguenza, ribaltando il concetto di ciò che è giusto o sbagliato secondo la loro convenienza. Viviamo in un paese allo stremo in parte per colpa della nostra mentalità. Siamo abituati a dire di no a tutto, anche a quelle cose che potrebbero, sul piano economico, migliorare la nostra vita. Abbiamo detto di no alle centrali nucleari e, nel contempo, acquistiamo l'energia francese prodotta proprio con il nucleare. Osteggiamo gli impianti eolici perchè quattro ambientalisti di numero ci convingono che deturpano l'ambiente facendo sentire la loro voce attraverso qualche politico di turno che probabilmente riceve pressioni da chissà chi, affinche non si debba produrre energia a basso costo. No alla Tav con motivazioni banali, forse in parte giuste, ma non sufficienti a bloccare un'opera del genere. No agli inceneritori perchè, a detta di alcuni esperti, sono focolai di patologie gravi. Lo saranno davvero? Se così fosse, come mai a Vienna in piena città e a ridosso di un ospedale, è in funzione un'enorme ineceneritore? Impariamo qualche volta a dir di si, come fanno in tutti gli altri stati occidentali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog