Cerca

Spesometro 2013

Gent.mo Direttore so che lei si occupa di cose più importanti, ma secondo me è interessante anche per lei venire a sapere di questo problema che sta rovinando il sonno a molti contribuenti ed a molti commercialisti. L’Agenzia delle Entrate ha diffuso il 10 c.m. il modello polivalente per la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva, quello che più banalmente veniva chiamato spesometro (scadenza invio 12 novembre per i soggetti mensili e 21 novembre per i soggetti trimestrali ). Questo cosa vuol dire? Che le specifiche tecniche, date a chi deve scrivere i programmi per l'invio il 2 agosto (fantastica la scelta della data), sono sbagliate, i programmi vanno corretti. A oggi non è ancora stato pubblicato il software di validazione o controllo, che permette a chi scrive software di verificarne il corretto funzionamento, e neppure quello per la compilazione manuale, ma la scadenza non si tocca. Molti dubbi relativi alla compilazione stessa del modello non sono stati chiariti e oggi leggo dal Sole24ore del 20 c.m. "La nuova versione dello spesometro debutterà in versione soft: nell'invio del modello saranno tollerati i piccoli ritardi, da motivare però con problemi tecnici. Lo ha precisato – come riportato sul Sole 24 Ore di ieri – il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, che ha richiamato così gli uffici a tenere un atteggiamento distensivo e di apertura verso i contribuenti." Tollereranno piccoli ritardi che andranno giustificati? Ed in che misura verranno tollerati? Ed i loro enormi ritardi non dobbiamo tollerarli senza proferire parola? Veda Lei... Simona

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog