Cerca

sta morendo...

Gentile direttore, mi rivolgo a lei perchè in questo momento stiamo vivendo ore di panico. io sono rachele maesano, sorella di Alessandro Maria Maesano di 34 anni, vi racconto brevementge la storia. Dunque mi fratello era latitante in Bolivia per delitti legati al narcotraffico, inutile dire che il piccolo poco centrava con quello di cui era stato accusato e malgrado tutto e stato condannato a 14 anni di reclusione. fin qui poteva anche passare. due anni fa e stato colpito da glioblastoma di 4° grado al cervello, la forma di cancro piu agressiva che esista, ha subito due operazioni in bolivia e una chemioterapia in cile ma purtroppo il male si è puntualmente ripresentato. L'anno scorso, precisamente il 4 luglio 2012 e stato arrestato a santa cruz de la sierra, quando noi familiari cercavamo di trattare la sua consegna spontanea, chiadendo appunto che fosse ricoverato in un centro adatto alla sua malattia. dicevo e stato arrestato e sbattuto in un carcere boliviano , e sia l'ambasciata che il nostro ministero e tutti coloro che erano preposti a farlo estradare, se ne sono fregati, e cosi che la sua malattia è andata avanti fino che alla fine è entrato in coma. cosi noi ci siamo attivati e dopo non pochi sacrifici siamo riusciti a mandare mia madre (71anni) la quale facendo ferro e fuoco e riuscita a farlo ricoverare in un centro oncologico sempre a santa cruz.. alla fine dopo tanti contatti con la sempre indifferente ambasciata qualcosa si e mosso e dopo un anno e 2 mesi alessandro è stato rimpatriato con volo commerciale fino a madrid e da madrid a ciampino con volo militare il 28 .8.2013. appena arrivato in italia viene subito mandato al centro clinico di regina coeli dove gli viene diagnosticata dal medico del carcere una SEMIPARESI, si proprio cosi. a nulla sono serviti i certificati e le risonanze e le tac che mio fratello portava con lui e gli stessi certificati fatti dal medico della scorta che è andato a prenderlo in Bolivia. Vado avanti. la sua detenzione continua a Regina coeli fino a domenica 20.10 quando viene trasferito a Rebibbia ma non al centro clinico bensì in un reparto comune insieme a detenuti comuni e ancora nessun osi degna a fargli fare una risonanza magnetica visto che non si fidano della documentazione apportata dai medici boliviani. intanto a mio fratello rimangono pochi giorni di vita e nessuno si muove, lui si sta spegnendo, non ricorda nulla non riesce ad alimentarsi ne a muoversi in quanto e paralizzato per metà. vi prego aiutateci a muovere qualcosa. quello che vi ho appena scritto corrisponde a verita assoluta e dimostrabile con documentazione medica e legale. contiamo su di voi perche questa triste situazione si risolva presto e affinche mio fratello possa vivere le sue ultime ore con la famiglia. cordiali saluti rachele maesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog