Cerca

ledifferenze e i guadagni

ma in fondo tutto si riduce a tagliare gli stipendi esorbitanti! Così in Parlamento in TV, sui campi da calcio ecc...E per favore piantatela - anche a destra- con la tiritera del privato che è giusto che guadagni quanto gli passa il convento cui appartiene...Non è così! non si è mica ai tempi pre-rivoluzione francese, con le caste garantite dallo stato, Ma perdio se è vero che viviamo in un mondo interconnesso il compratore "equivale" al venditore non c'è l' uno senza l' altro e se si "ammazza l' uno si ammazza anche l'altro! questo è il senso della democrazia...che a ciascuno sia garantita un esistenza dignitosa poi si può parlare di meritocrazia e premiare i "bravi", ma tutto entro limiti tollerabili. Non è possibile accettare che una "capra" di calciatore o un saltimbanco da avanspettacolo guadagnino in una stagione o anche in un mese ciò che un' operaia ma anche un professore di scuola media o ricercatrice universitaria....non guadagnano in una vita...Ma ci si rende conto che la disuguaglianza sociale va di pari passo con la differenza retributiva? E non venite a raccontare che negli Stati Uniti è così perchè non me ne frega nulla di come fanno lì...peggio per loro se non hanno conosciuto davvero ne' Cristo nè Marx e hanno venduto agli imbecilli il "sogno americano" a suon di guerre e bombe atomiche... La festa E' finita anche per loro che annegano nell' inquinamento e nella crisi globale, perchè c'è chi sa produrre e farsi rispettare nel mondo meglio di loro! E noi, Europa delle millenarie divisioni ci arabattiamo a farci lo sgambetto l'un l' altro, intenti a rincorrere il dio Euro, che solo a sentir parlare di spred e Fondo Monetario ci tremano le ginocchia! Ma vivaddio siamo il mondo occidentale tutto è avvenuto qui da noi...perchè non vogliamo capirlo ed essere orgogliosi della nostra storia comune? Forse così... un giorno... nascerà Europa Zanandrea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog