Cerca

LEGGE SERIA GIUSTIZIA VELOCE!

LEGGE! La valutazione di un Paese dovrebbe essere rapportata alla percezione di sicurezza ed al senso di giustizia di ciascuno di noi. Magari coincidessero con la realtà potremmo godere di una superiore qualità della vita. Ma se da una parte c’è chi pensa all’indulto, alla grazia ed allo spopolamento delle carceri solo per un risparmio di cassa (statale) ovvero per spot elettorali , dall’altra ci siamo noi cittadini senza scorte che abbiamo l’incubo di scendere in strada per una semplice passeggiata. La Legge dovrebbe essere ‘’GUIDA’’ dei comportamenti’’, la Giustizia rispettosa dei diritti altrui nonché capace di attribuire a ciascuno ciò che gli è dovuto secondo legge. Ahinoi però le stesse funzioni vengono , ab origine, delegittimate dalla debolezza ovvero inconsistenza del riscontro pratico. Motivo per il quale il delinquente, consapevole della CERTA IMPUNITA’ continuerà a commettere reati. Per i cittadini NORMALI la mancanza assoluta di certezze soprattutto nel diritto aumenterà la disaffezione verso la politica cementificando ancor di più il concetto di ‘’deresponsabilità governativa’’. Nella vita di tutti i giorni gli uomini e le donne NORMALI si auspicherebbero un attività politica tesa alla salvaguardia assoluta dei diritti di ogni cittadino con una regolamentazione seria severa e certa sui doveri di tutti. Troppo facile scarcerare criminali per ottenere lo sfoltimento delle carceri ad uso e consumo di pochi ( e non mi riferisco ai detenuti). Ma scappare da responsabilità e doveri con atti di fittizia indulgenza è tipico di una nazione senza forti e sani principi ma ‘’piena’’ di sconsiderato falso moralismo e sociologia d’accatto. A cosa servono le ‘’taske force’’ di vigili , poliziotti, carabinieri, finanzieri se una volta individuato lo scippatore, il rapinatore, lo spacciatore ed il mercante abusivo di merce contraffatta, la LEGGE non garantisce una SERIA , DURA e CERTA risposta? Se il ragazzino di 10 anni che imperversa nel branco , picchiando, rubando, devastando monumenti, non è IMPUTABILE cosa possono le ‘’taske force’’. Il potere di controllo sarebbe efficiente ed utile una volta che la reazione della legge e quindi dello stato sia di pari livello a quella dell’offesa criminale. Possiamo mettere anche l’esercito in città ma la criminalità si arresta solo con una Legge SERIA e poco ‘’interpretabile’’ . Occorre una riforma normativa, volta alla ricerca di una pena certa. Che non dovrà considerarsi persecutoria ma protettiva per la cittadinanza. Primario obiettivo dovrebbe essere quello di garantire certezza della pena solo a seguito del definitivo accertamento della responsabilità dell’indagato. Solo chi viene riconosciuto colpevole dei reati dovrà pagare il prezzo certo ed ineluttabile della sua condotta. La credibilità di un Paese la si giudica dalla serietà della Legge e dalla velocità della Giustizia. Una giustizia che quando ha deciso di far presto riesce anche ad essere capace a farlo. Basta pensare alla celerità dei processi contro uomini di copertina. Ma la inefficienza reale del sistema risiede , come al solito, dall’altra parte della ‘’medaglia’’ . Dove c’è lo ‘’stampo’’ di cittadini normali . E magari ci sono persone comuni che da 20 anni attendono sentenze anche nei procedimenti civili. Insomma una Giustizia a velocità di circostanza, una Legge eccessivamente tollerante e tartassata da continue interpretazioni sono una minaccia alla democrazia. Perché non c’è paese serio e democratico che sia indulgente verso chi delinque e poco attento alla salvaguardia dei diritti dei cittadini onesti. Basta parole abbiamo bisogno di riforme coraggiose! Avv Raffaele Di Monda

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog