Cerca

DALLA DIFFERENZIATA VANTAGGI ANCHE AI CONTRIBUENTI

Spett.le Direttore, Nella sconfinata giungla di tasse, tariffe e balzelli, la Tares si guadagna certamente un posto sul podio. Sullo smaltimento dei rifiuti, i contribuenti non nutrivano certo simpatia per la Tarsu o Tia, ma la loro trasformazione in Tares (con l'aggiunta di oneri anche per altri servizi) ha creato diversi squilibri ed ingiustizie sociali, penalizzando alcune categorie di persone o di attività economiche. Non sono pochi i casi in cui gli importi di questa tassa siano raddoppiati rispetto a quanto si pagava l’anno precedente, come si può moltiplicare in maniera così indiscriminata una tassa che è già di per sè piuttosto cara? Noi contribuenti dovremmo essere premiati e non penalizzati per l'impegno che dedichiamo alla raccolta differenziata. Non dimentichiamoci che nello smaltimento dei rifiuti, noi cittadini rappresentiamo una parte importante della “catena”, non solo in quanto produttori di rifiuto, ma in quanto siamo i primi operatori della differenziazione, tenuti a sacrificare parte delle nostre cucine o terrazze per far spazio ai diversi contenitori per la selezione dei rifiuti, nonché a impiegarci più tempo rispetto a prima. E’ un dovere ed un piacere farlo per l'ambiente, ma al solo pensiero che l’impegno collettivo sia funzionale al guadagno di pochi ,non fa che accrescere la nostra rabbia verso chi gestisce il servizio. Siamo noi contribuenti gli artefici del successo della raccolta differenziata, ad è grazie all'aumento del differenziato a scapito dell'indifferenziato, che i comuni riescono a risparmiare nello smaltimento, ma per quale motivo non ci viene riconosciuto nessuno sgravio in bolletta a noi contribuenti? I comuni spendono molto meno, i colossi del rifiuto sostengono se stessi ed i loro consigli d'amministrazione ed azionisti, e non dimentichiamo che quel che noi chiamiamo rifiuto viene rivenduto come materia prima, vantaggi economici che interessano diversi anelli della catena del rifiuto tranne che quello di noi contribuenti. Inaccettabile che i nostri sacrifici siano a beneficio delle tasche di pochi, la raccolta dei rifiuti deve produrre vantaggi economici anche per la collettività. Cordiali saluti, Loris Dall'Acqua Poggio Berni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog