Cerca

Omofobia e libertà di espressione

Che l’omosessualità sia congenita, sia una devianza, una libera scelta o un orientamento etc. è un giudizio che attiene alla comunità scientifica, che deve procedere secondo i parametri uniformemente e unanimemente riconosciuti secondo i metodi di valutazione scientifici. Detto questo rimane la sacrosanta libertà di dare i giudizi morali sugli atti omosessuali basandosi sulle proprie convinzioni, quali esse siano. Il dibattito sul matrimonio gay riguarda invece non il giudizio concreto sugli omosessuali o gli atti omosessuali, atti compiuti liberamente da persone adulte e consenzienti che attengono alla loro sfera privata , ma il fatto se l’unione tra persone dello stesso sesso debba avere rilevanza pubblica. E se tale rilevanza debba essere assimilata in toto a quella del matrimonio come negozio giuridico definito dalla costituzione. I favorevoli al matrimonio gay pensano di si e dovrebbero portare delle ragioni giuridiche e culturali a sostegno della loro tesi. I contrari pensano di no adducendo diverse ragioni che io condivido in pieno. Per il resto la democrazia e la libera discussione dovrebbero fare il resto. Così dovrebbe funzionare in un paese civile. Il negare a priori libertà di esprimere queste ragioni appellandosi sempre al “reato” di omofobia o adducendo patetiche motivazioni basate su fantomatiche teocrazie o becera intolleranza dei credenti significa confondere subdolamente i piani di discussione utilizzando il metodo distruttivo della non-degnità dell’interlocutore. Chi, come è successo su questo giornale, ha ribadito ben due volte la liceità e giustezza di questi metodi di censura, giustificando ciò che è successo in RAI, ha commesso un autogol clamoroso. Quando si mette in discussione la libertà di esprimere le proprie idee utilizzando metodi sovietici come fanno le lobby di nostra conoscenza ci si mette su una strada molto pericolosa che avrà certamente delle conseguenze nefaste per tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog