Cerca

Indignato di questa casta.

Egregio Direttore, come cittadino sono veramente indignato di quello che vedo e che sento riportato dagli organi di informazione. Si assiste a continue disquisizioni sulla decadenza di Berlusconi , sulle lotte interne per le nuove sedie da assegnare nella rifondata Forza Italia. Dall’altra parte, dopo il tonfo di Bersani ,altre lotte intestine per individuare il nuovo Segretario Generale del partito democratico , ma con precisi distinguo per chi sarà in futuro il designato alla guida di un governo. Il movimento 5 stelle, sfodera i suoi rappresentanti che farebbero meglio a cucirsi la bocca per le sparate senza senso che li contraddistingue e che li fa assurgere all’attenzione per impreparazione e per le idee che fanno rabbrividire ogni cittadino che ha a cuore questa povera Italia. Penso che in tutto questo anche gli organi di informazione hanno la loro colpa. Non incalzano più questa casta che si guarda bene dal tagliare le cose che la interessano da vicino. Io vorrei sentire disquisire questi signori sulle riforme che servono al paese. Parlare e” lavorare presto e bene” per disegnare il nuovo assetto del sistema paese. Vorrei sentire, finalmente, che è stata trovata la quadra per “cancellare” (non rinominare) una camera del parlamento e ridurre drasticamente il numero dei rappresentanti eletti.. Sogno di sentire che i parlamentari hanno approvato l’eliminazione della presidenza della repubblica perché si è deciso di avere un “premierato”. Vorrei che questi signori studiassero e presentassero al popolo italiano la strategia del sistema energetico per lo sviluppo del paese. Vorrei sentire , con le mie orecchie , che, al fine di comprimere la spesa, si è deciso di accorpare le regioni in tre macro sistemi (nord, centro, sud) con 19 provincie e con limiti di spesa prestabiliti, pena il commissariamento di tutti gli Enti che non li rispettano ed il pagamento in solido dei responsabili. Vorrei sentirmi dire che il parlamento ha messo un tetto di 5000 € a tutte le retribuzioni passate , presenti e future. Sogno di apprendere che il parlamento ha approvato subito il taglio di tutte le spese inutili e l’azzeramento dei rispettivi capitoli . Vorrei ascoltare da questi signori come si è deciso di abbassare il debito pubblico e come evitare che la spesa continui a salire in modo incontrollato. Purtroppo mi risveglio dal mio sogno e vedo e ascolto il nulla. Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog