Cerca

Riforma della giustizia boicottata da Follini, Casini e Anm

Le dichiarazioni odierne di Silvio Berlusconi durante la riunione in diretta da Roma del Pdl sono state emblematiche e scandalose per quanto riguarda la mancata riforma della giustizia quando lui fù premier. Marco Follini, Perferdinando Casini e l'Associazione nazionale dei magistrati boicottarono una riforma della giustizia basata sulla giusta responsabilità civile dei magistrati e la separazione delle carriere. Anche Gianfranco Fini tenne vergognosamente nel cassetto tale riforma. Nonostante ci siano leggi che parlano chiaro sulla responsabilità penale e disciplinare dei magistrati, questi sciagurati resero a tutt'oggi una magistratura totalmente incontrollata, intoccabile, irresponsabile, ingiusta, impunita e corrotta dimostrando che l'Anm, il così detto sindacato dei magistrati, non è altro che una Associazione inutile, la quale, insieme al Csm serve solamente a coprire le malefatte dei magistrati colpevoli. Non è più tollerabile, accettabile né sopportabile che i magistrati non paghino le responsabilità e gli errori come tutti noi cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog