Cerca

EDUCAZIONE SESSUALE PER NEONATI

EDUCAZIONE SESSUALE PER NEONATI L’Oms (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso a tutti i governi europei un vademecum per promuovere nelle scuole corsi di sessuologia. Nel documento, che si chiama “Standard di Educazione Sessuale in Europa“ - consultabile su internet - tra l'altro, si legge: Ai bimbi dagli 0 ai 4 anni «gli educatori dovranno trasmettere informazioni su masturbazione infantile precoce e scoperta del corpo e dei genitali, mettendoli in grado di esprimere i propri bisogni e desideri, ad esempio nel “gioco del dottore”». Dai 4 ai 6 anni i bambini dovranno essere istruiti «sull’amore e le relazioni con persone dello stesso sesso», «parlando di argomenti inerenti la sessualità con competenza comunicativa». Coi bimbi tra i 6 e i 9 anni, i maestri terranno lezioni su «cambiamenti del corpo, mestruazioni ed eiaculazione», facendo conoscere loro «i diversi metodi contraccettivi». Su questo aspetto i bambini tra 9 e 12 anni dovranno già avere ampia competenza, diventando esperti nel «loro utilizzo» e venendo informati su «rischi e conseguenze delle esperienze sessuali non protette». Nella fascia puberale tra i 12 e i 15 anni gli adolescenti dovranno acquisire familiarità col concetto di «pianificazione familiare» e conoscere il difficile «impatto della maternità in giovane età», con la consapevolezza di «un’assistenza in caso di gravidanze indesiderate e la relativa «presa di decisioni» (aborto). Secondo l’Oms, i ragazzi dovranno essere informati sulla possibilità di «gravidanze anche in relazioni omosessuali» e sull’esistenza del sesso inteso come «prostituzione e pornografia», venendo messi in guardia «dall’influenza della religione sulle decisioni riguardanti la sessualità». Quasi tutti i mezzi di comunicazione scrivono e parlano di politica, economia, di debiti, etc... Ma perché ignorano, o fanno finta di ignorare, che la nostra società si sta incamminando, in maniera subdola e coercitiva, verso una mutazione antropologica autodistruttiva? Cosa c'importa di Renzi e D'Alema, di Berlusconi e Alfano, di Grillo & Co. se a Bruxelles hanno deciso, coll'assenso dei nostri politici, di annientare la dignità dei nostri figli? Abbiamo bisogno che vengano a violentarci i figli negli asili nido prima di reagire? O possiamo incazzarci un po' e mandare a quel paese tutti quei politici che fanno orecchie da mercante? Penso che, dal dopoguerra, l'Occidente non abbia mai avuto governanti profondamente mediocri come oggi. Ecco perché, nonostante io non creda alle teorie della cospirazione, pare ovvio che, da dietro le quinte, alcuni interessati stiano manipolando i politici occidentali per realizzare uno specifico programma che mira a distruggere la famiglia naturale e l'etica che sostiene la società civile. Se diamo un'occhiata ai programmi stabiliti durante la Conferenza Internazionale su Popolazione e Sviluppo, organizzata dall'ONU, avvenuta al Cairo, nel settembre 1994, e riconfermati nella Conferenza di Istanbul nel giugno 1996, possiamo constatare che sono stati quasi tutti realizzati. Attraverso neologismi degni di uno Stato Mondiale autoritario, in queste conferenze, è stato deciso di estendere l'aborto a tutti i popoli della Terra, così come l'eutanasia, l'eugenetica e le leggi che permettono il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Questi quattro elementi hanno in comune la morte e il rifiuto della natura. Con l'aborto e l'eutanasia si uccide, con l'eugenetica, che manipola il gene umano, e col matrimonio gay che non genera vita, si rifiuta la natura. Da qui sale un dubbio. Non è che la crisi economica è stata pianificata per portare a termine senza tante proteste il programma di morte e di animalizzazione dell'essere umano? Dobbiamo pensare che è solo un caso se i media non parlano quasi mai di questa deriva antropologica? Forse sto esagerando, ma chiunque abbia letto gli scritti relativi alla famiglia, dei massoni e del duo Marx-Engels, sa di cosa parliamo. Fatto sta che a partire dall'800 gli affiliati utilizzano la scuola (da 200 anni sotto la giurisdizione massonico-marxista) e tutte le forme di intrattenimento per distruggere la cellula fondamentale che sostiene la società. Perché le ideologie vogliono eliminare la famiglia? Gli esseri umani - atei e credenti – senza un nucleo familiare che genera prole e un legame affettivo ufficializzato, sono fragili come foglie al vento. Non è un caso se in tutte le culture del mondo di tutti i tempi, la famiglia è stata legalizzata e sacralizzata. I massoni, come le lobbies create dall'Aristocrazia della Finanza, non solo vogliono la distruzione della famiglia, ma hanno deciso di animalizzare l'uomo e la donna per annichilire qualsiasi forma di reazione socio-politica. Lo sapevano bene i comunisti e i nazisti. Governare una società costituita da individui senza legami affettivi e senza etica, facilita l'imposizione delle ingiustizie sociali o, se vogliamo, delle leggi innaturali. Il metodo step by step utilizzato oggi nell'educazione scolastica dei paesi cosiddetti democratici, conferma che si tratta di un programma prestabilito. Hanno iniziato con l'educazione sessuale per arrivare, in pochissimi anni, al matrimonio omosessuale, la masturbazione dei neonati e l'omosessualizzazione della società. Gli psicologi e i sociologi, che da anni studiano le conseguenze devastanti della dipendenza sessuale che si espande in modo esponenziale tra i giovani - causate soprattutto dalle reti internet - confermano che «il sesso è la droga più consumata degli ultimi dieci anni». I politici e gli omosessuali che sono caduti nella trappola ideologica e massonica, sembrano gli utili idioti di turno. Come sappiamo, le ideologie del secolo scorso sono arrivate al potere grazie proprio agli utili idioti. Così li definiva Lenin. I quali, però, hanno fatto una brutta fine sotto le famose purghe leniniste e staliniste. I politici, i giudici, i legislatori e i giornalisti che si inchinano davanti all'ideologia pansessualista, definita gender, in pratica stanno offrendo in olocausto i propri figli e nipoti ai carnefici. Si, perché anche i loro piccoli saranno masturbati dagli zero ai quattro anni e omosessualizzati dai quattro ai sei anni. Ai cittadini ignari, fategli almeno sapere che mentre protestano per una crisi economica piratesca, hanno intenzione di stuprare i loro figli per eliminare anche il minimo segno di dignità. Cordiali saluti Agostino Nelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog