Cerca

Congresso del PD

Ill.mo Direttore credo nel centro sinistra e ritengo con esso si possano perseguire molti interessi per la popolazione in generale e per in meno abbienti in particolare; questo mi ha incoraggiato a scrivere poche righe, che probabilmente potrebbero essere i desideri di molti, affinche` possano giungere alle persone che sono riuscite ad essere protagonisti delle vicende congressuali che avranno il loro epilogo il prossimo 8 dicembre. E` opportuno chiarire il significato della terminologia che usiamo, quando identifichiamo il Partito Democratico come un partito di centro sinistra. Il cittadino comune piu` sensibile alla comprensione del problema si accontenta di definirlo tale considerandolo la derivazione dalla fusione di movimenti e partiti politici militanti nell`area moderata di centro con quelli militanti nell`area di sinistra e a nessuno viene in mente di ridefinirne l`ideologia politica. In pratica manca la formulazione di un`ideologia che ne stabilisca le linee fondamentali di azione entro cui il partito si identifica e opera. Il Partito Democratico si caratterizza come un movimento democratico europeista, riformista, progressista, aperto a tutti coloro che condividono obbiettivi e programmi individuati e condivisi dai cittadini considerati i protagonisti della vita politica e sociale; esso quindi si identifica in un movimento propositivo fedele alle aspirazioni ed alle condivisioni dei cittadini che non si trincera dietro atteggiamenti categorici ma lascia spazio a diverse concezioni ed una volta definito l`obbiettivo viene decisamente perseguito. Ci troviamo di fronte ad una scelta: conservare lo spirito che ha guidato la costituzione del Partito Democratico allorquando sono confluiti in esso il Partito Liberale Italiano, la Democrazia Cristiana, il Partito Comunista, il Partito Repubblicano, il Partito Socialista oppure dobbiamo, sulla base della maturita` raggiunta in questi ultimi anni, operare per mantenere il passo con le esigenze della vita moderna riconsiderando la struttura ideologica. Quest`ultima si rende necessaria poiche` l`assenza del collante ideologico spingerebbe il partito verso il baratro dell`autodistruzione per evitare cio` il PD dovrebbe caratterizzarsi come il partito del cambiamento con lo sguardo rivolto alla soluzione delle problematiche della vita contingente ed agli sviluppi della vita futura. Per raggiungere l`obbiettivo del cambiamento occorrerebbe ideare e concretizzare le riforme sia quelle riguardanti la vita del partito sia quelle riguardanti il mondo economico sociale. Le riforme riguardanti il partito dovrebbero essere concretizzate da una vera democrazia "partecipativa" che rifugga da una direzione monocratica e privilegi ogni cittadino che indipendentemente dalla propria collocazione socio-culturale possa esprimere la propria opinione su problematiche e sulle soluzioni relative; la riforma elettorale occupa in questo contesto un posto di rilievo poiche` essa deve dare ai cittadini l`opportunita` di scegliere i propri rappresentanti ed agli eletti la possibilita` di governare in piena serenita`. La pregiudiziale di ogni riforma e` la trasparenza dell`attivita` politica sia nell`ambito delle istituzioni sia nella vita socio-politica dei rappresentanti del popolo; il cittadino per conservare la fiducia, verificare la coerenza alle enunciazioni in campagna elettorale del comportamento del proprio eletto e giudicarne l`operato deve sempre conoscere i fatti nella loro reale consistenza. Una riforma che potrebbe interessare il partito e` quella delle primarie; attualmente i candidati sono presentati e sorretti da personaggi o strutture influenti; e` sbagliato perche` questo significa che non viene scelto dal popolo ma da soggetti che hanno un apparato ed i mezzi per sostenere e far emergere la candidatura. - La vita del Partito Democratico dovrebbe essere ispirata dalla assenza di "correnti" e dalla condivisione di obbiettivi individuati dalla maggioranza e finalizzati al benessere di tutti i cittadini; il rapporto con altri partiti dovrebbe essere basato sulla condivisione degli obbiettivi in coerenza con la linea ideologica definita e in caso di necessita` mediando situazioni particolari. L`ispirazione del partito dovra` privilegiare l`esigenza di una democrazia partecipativa in cui il popolo con l`aiuto dei mezzi informatici puo` essere coinvolto nelle decisioni. Andrebbero ripresi i panni di fedeli interpreti e portatori delle esigenze del popolo. Dovremo far rivivere la verita` di mantenere senza vacillare la professione della speranza del popolo perche` e` degno di fede chi ha promesso. (Dalla lettera agli Ebrei – seconda lettura di domenica 12.05.2013-Ascensione del Signore) Nell`ambito del riformismo ed in coerenza degli obbiettivi ideologici, potrebbero essere tenuti presenti i seguenti punti: - Nel settore economico dovrebbe prevalere una forma di capitalismo moderato dove, trascurando l`atteggiamento integralista che vede nel mercato l`unico regolatore della vita sociale, gli utili investiti nella ricerca, nelle infrastrutture ed in nuove iniziative non sarebbero tassati. Il tessuto economico dovrebbe operare in collaborazione con le forze sindacali che sostengono i lavoratori operando insieme per il mantenimento di un sistema che persegua, con la produzione, l`innovazione e la concorrenzialità. - Il rapporto con i sindacati dovrebbe essere ispirato alla collaborazione e non al contrasto tra le parti; le problematiche andrebbero presentate sul tavolo delle trattative insieme alle proposte di soluzione, gli accordi dovrebbero curare soprattutto le evoluzioni delle norme regolamentatrici dei diritti e dei doveri, gli aspetti economici andrebbero curati in ambito aziendale favorendo le dinamiche di produzione e tenendo presente le professionalita` acquisite. - Il sistema finanziario, costituito soprattutto dalle banche, dovrebbe rientrare nel ruolo di mediatore cioe` permettere ed agevolare le operazioni che i soggetti ed i mercati mettono in atto evitando il protagonismo condizionatore dell`andamento dell`economia: infatti un istituto bancario ha, per sua natura, la capacita` di movimentare grosse quantita` di moneta ed influire sui mercati. - Le entrate tributarie dovrebbero essere commisurate al fabbisogno salvaguardando il potere d`acquisto del popolo poiche` esso sostiene la domanda di beni e servizi stimolandone la produzione e l`offerta; il flusso tributario dovrebbe essere garantito stabilendo equi criteri ed operando controlli costanti e capillari con conseguenti sanzioni commisurate alla recidività ed alla gravita` della violazione. - Dovrebbero adottarsi misure che evitino indebitamenti per spese di competenza e siano favorite quelle per investimenti in infrastrutture incoraggiando la partecipazione del capitale pubblico con quello privato il quale avrebbe come contropartita la concessione dell`esercizio del bene per un periodo concordato. L`ammodernamento dei collegamenti con i piccoli centri potrebbe evitare il loro definitivo isolamento e favorire lo sviluppo turistico. La sistemazione del territorio si renderebbe necessaria per prevenire catastrofi ed assicurare una reale tranquillita`. - Dovrebbero essere incoraggiati i rapporti con le zone meno sviluppate del nostro pianeta mettendo in atto iniziative atte a favorire lo sviluppo democratico ed industriale con relativi scambi commerciali e conseguente contenimento dell`emigrazione. - Le risorse storico-archeologiche di cui il nostro Paese e` il maggiore detentore al mondo, andrebbero curate e custodite per essere visitate con relativo incremento del turismo e costituire una fonte di entrate utilizzabili per la manutenzione e la gestione dei servizi ad esse afferenti. - L`artigianato, nonostante la concorrenza con le aziende produttrici a costi inferiori, costituirebbe la nicchia specifica della produzione di articoli pregiati, esso dovrebbe essere la meta ideale per molti giovani incrementandone la diffusione, ad esso andrebbero destinate specifiche risorse ed incoraggiata l`attivita` con agevolazioni fiscali e previdenziali. - L`agricoltura che interessa molta parte del nostro territorio nazionale dovrebbe privilegiare forme associative per costituire le filiere dal produttore al consumatore con la tracciabilita` dei vari passaggi ed il riconoscimento del marchio di qualita`. Per favorirne lo sviluppo andrebbe rivista la proprieta` terriera accorpando la miriade di apprezzamenti di terreni costituiti a seguito di divisioni ereditarie affidandoli in concessione ad agricoltori o ad aziende agricole in grado di utilizzarli retribuendo i legittimi proprietari con una parte da convenire della produzione. - Dovrebbe essere tenuto presente che la ricerca e` uno dei segreti per lo sviluppo in genere e la sostenibilità` della concorrenza anche di prodotti a piu` basso prezzo quindi andrebbe costantemente incrementato il finanziamento per la ricerca ed incentivata la partecipazione di giovani che dimostrino capacita`. - Andrebbe potenziata la diffusione della cultura informatica potenziando lo sviluppo di infrastrutture che diano la possibilita` ai cittadini di accedere alle nuove tecnologie e partecipare piu` attivamente alla vita sociale e politica. - Il settore sanitario dovrebbe essere caratterizzato principalmente dalla mobilita` verso l`utente operando molto sulla prevenzione valorizzando il medico di famiglia come parte complementare indispensabile al lavoro della struttura pubblica e riservandosi di utilizzare le strutture ospedaliere per i casi piu` gravi. Attenzione particolare dovrebbe darsi alla popolazione anziana evitando quanto piu` possibile lo sradicamento dal proprio "habitat" e fornendogli un`assistenza che comunque alleggerisca l`eventuale sensazione di solitudine. Per ogni altra esigenza dovrebbero operare strutture snelle che riescano a rispondere in tempi rapidi alle richieste. Andrebbero finanziati programmi di ricerca mirati sia alla risoluzione delle problematiche di salute sia allo sviluppo della competitività` nella produzione e commercio dei farmaci. - Il settore della giustizia, dovrebbe tendere a termini piu` brevi per la conclusione dei processi esso dovrebbe essere oggetto di una riorganizzazione partendo dalla semplificazione delle leggi e dalla diminuzione dei contenziosi. Alla necessita` della semplicità della norma dovrebbe seguire la riorganizzazione del procedimento giudiziario supportandolo con la tecnologia per rendere piu` veloce lo stesso e rivedendo i ruoli delle figure interessate. I gradi di giudizio dovrebbero essere due: il primo ed eventualmente l`appello. Le sentenze, qualunque esse siano, vanno rispettate senza alcun condizionamento. - L`istruzione, obbligatoria fino al terzo anno della scuola media, dovrebbe avvalersi di un`equipe psico-grafologica per un esame psico-attitudinale e la formulazione di suggerimenti per l`indirizzo che l`alunno potrebbe perseguire con profitto evitando l`eccessivo ricorso agli studi incoraggiato dalla difficile prospettiva di un posto di lavoro fisso e possibilmente dietro una scrivania. Gli studi dovrebbero essere caratterizzati anche dall`insegnamento di lingue straniere e da esperienze organizzate in collaborazione con gli operatori presso strutture operanti nella vita sociale ed economica. - Il nucleo fondamentale della societa` e` la famiglia intesa come padre, madre e figli; l`istituzione del matrimonio civile e/o religioso rimarrebbe quella vigente, tuttavia la regolamentazione e la convivenza di due persone dello stesso sesso non sarebbe condannabile in assoluto ma inserita nell`ambito piu` generale della regolamentazione di convivenze tra due o piu` individui. - Per l`edilizia pubblica dovrebbero essere recuperate tutte le strutture abbandonate o dismesse e non piu` utilizzate, per quella privata andrebbero incoraggiate le iniziative tese alla costruzione di nuove abitazioni ed alla manutenzione di quelle esistenti alleggerendo la tassazione sulle prime case; il fitto dovrebbe dismettere la caratterizzazione di elemento speculativo e configurarsi come retribuzione di un servizio il cui ammontare viene standardizzato in maniera omogenea per tutte le abitazioni, da una serie di fattori: centralita`, esposizione, stato di conservazione, servizi ecc.. - La donna dovrebbe avere una maggiore considerazione nell`ambito della societa` e della famiglia, al riguardo la professione della casalinga, per le sue funzioni connesse, andrebbe paragonata ad un impiegato della carriera di concetto e retribuita con un trattamento economico ad esso proporzionata. - Non dovrebbero esistere discriminazioni razziali improntando il rapporto con persone di altra etnia all`aiuto, alla tolleranza ed alla pacifica convivenza regolarizzando le varie situazioni politico-sociali. - In politica estera il nostro paese dovrebbe mantenere quel ruolo di protagonista dell`integrazione europea e della costruzione di un`Europa unita sia commercialmente che politicamente collaborando sia dal lato socio-economico che culturale con tutti gli altri stati dove vige un regime democratico che rispetti i diritti umani; dovrebbero, inoltre, essere studiate ed incrementate soluzioni finalizzate alla compartecipazione in iniziative produttive nei paesi emergenti che stanno avviandosi verso un regime di vera democrazia e di rispetto dei diritti civili sviluppando iniziative commerciali utili per rapporti futuri e per frenare i flussi migratori. - Per la difesa, la collaborazione con organismi esterni di cui l`Italia istituzionalmente fa parte autorizza a pensare ad un apparato militare ridotto nel numero di componenti, caratterizzato dalla massima preparazione fisico-tecnica del personale e dall`utilizzo di mezzi e di tecnologia avanzata per un`efficienza che permetta interventi efficaci rapidissimi in ogni luogo della nazione e fuori dove si potrebbe essere chiamati ad intervenire. - L`ordine interno sarebbe assicurato privilegiando la prevenzione ed utilizzando con maggiore frequenza la collaborazione di strutture laiche e religiose destinando l`eventuale tempo di espiazione delle pene ad azioni utili e mirate alla rieducazione ed al reinserimento nella vita sociale - Il rapporto con la Chiesa cattolica e con altre religioni e` libero e di grande rispetto per la funzione che esse svolgono, andrebbe riconosciuto un merito maggiore a quelle piu` diffuse e che svolgono ruoli importanti nella societa`. - La burocrazia: e` necessario che per mantenere il posto conquistato dal nostro Paese nella classifica mondiale, l`attivita` sia costantemente idealizzata dalla massima concorrenzialita` basata sulla ricerca, sulla efficienza e sulla produttività` con la formulazione di protocolli comportamentali che snelliscano le attivita` ed eliminino tutte quelle occasioni di ritardi ed attese causa di distruzione di risorse diversamente utilizzabili. - La previdenza dovrebbe essere caratterizzata dalla scelta di ognuno del proprio futuro trattamento pensionistico e del relativo accantonamento mensile che si e` disposti ad effettuare; per coloro che non hanno avuto la possibilita` di costituirsi una propria posizione previdenziale secondo le proprie aspirazioni, prevedere un`assegnazione che garantisca una vita serena e dignitosa che potrebbe essere ricambiata dall`esecuzione, qualora le condizioni fisiche lo permettano, di attivita` utili alla societa`. - La produzione di energia necessaria alla vita sociale ed agli impianti produttivi dovrebbe prestare piu` attenzione alle fonti rinnovabili: vento, sole, fiumi curando la ricerca e conciliando la produzione con le esigenze di tutela ambientale e la diminuzione dei costi dell`import di materie prime. L`attivita` congressuale dovrebbe caratterizzarsi dal raggiungimento di un`intesa maggioritaria sui concetti e sulle finalita` che costituiscano la linea ideologica da seguire. Stabilite le linee fondamentali di una struttura ideologica e` facile definire la figura del Segretario; egli deve operare in qualita` di "tribuno" del popolo che sappia esserne il fedele esecutore della volonta` rifuggendo da coinvolgimenti in schermaglie piu` o meno erudite dentro e fuori dal partito; la scelta dovrebbe ricadere, quindi, su colui che riesca a presentare un quadro di proposte che possano essere condivise dai cittadini. Saluti ed auguri. Isernia 22 nov 2013 Antonio Milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog