Cerca

solo ora ve ne accorgete che siamo in monarchia??

Carissimo direttore, mi fa piacere che - meglio tardi che mai - si sia accorto, insieme a tanti illustri opinionisti, che siamo sudditi di re Giorgio. mi permetto di dire però, con una punta di umano compiacimento mista a rabbia, che sono due anni che scrivo a Voi giornali nella speranza di trovare un minimo di visibilità proprio sulla dittatura re giorgio/magistratura/poteri forti, senza avere neppure una risposta. sapete quando ho aperto gli occhi?quando ho provato sulla mia pelle la c.d riforma epocale della geografia giudiziaria, una legge abominevole ed incostituzionale, nata male e realizzata peggio, sponsorizzata da chi?indovinate un po'? da re giorgio! rivedetevi l'intervento di sua maestà a meno di un mese della pronuncia della corte cost. sulla legittimità costituzionale della legge (notare che la corte in in caso identico nemmeno un anno prima si era espressa per la incostituzionalià). ebbene il monarca ha detto: "è scandaloso mettere in discussione la riforma sulla geografia giudiziaria". risultato: la corte ha stabilito che la legge, guardacaso, è legittima ed il parlamento si appecoronato immediatamente! la cosa che più mi ha fatto orrore è che tutta la stampa non ne ha parlato o, se lo ha fatto, è stato per esultare contro i "tribunalini" soppressi. caro direttore, ora che ci siete (in ritardo) arrivati anche Voi..approfondite l'argomento, vi prego, e poi uniamo le forze contro questa dittaura!! Resto a disposzione per ogni chiarimento sull'argomento (che conosco a memoria). un saluto. Antonio de Cesare

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog