Cerca

ED ORA BASTA VOGLIAMO SAPERE LA VEREITA’

Sono un pensionato che passa buona parte della giornata a casa ascoltando i media che continuamente disinformano se è vero come è vero che fanno susseguire le notizie in tempo reale dicendo tutto ed il contrario di tutto ed ancora tutto ed ancora il contrario di tutto e questo nel breve volgere di qualche ora o addirittura di pochi momenti. Quando faccio notare questo modo di procedere mia moglie mi invita a spegnere la TV e a fare una passeggiata fuori casa. Ma come si può andare in giro , fare quattro passi , sedersi al bar se per prendere un caffè, un cappuccino o una bibita fra le più economiche devi spendere da uno a tre euri? Come si può fare un giro con la macchina se un litro di carburante costa quasi due euri e se volendosi fermare in centro non si trova uno spazio dove parcheggiare e se trovi uno spazio devi pagare il parcheggiatore abusivo pena danneggiamento o apertura macchina?Aggiungi che dietro l’angolo incontri sempre qualcuno più disagiato di te al quale non puoi esimerti dal dare un piccolo obolo o che ti vuole vendere un accendino, un pacchetto di fazzolettini o un paio di calze perché ha bisogno di sbarcare il lunario. In buona sostanza si finisce col restare a casa e continuare a vedere la TV. A questo punto chiediamo che almeno venga detta la verità sulla nostra situazione economica, sulla disoccupazione,sulle tasse o meglio su tutto. Chi ci governa ed amministra o ci dirige da dietro le scrivanie uscendo dall’androne del palazzo o dalla villa dove abita trova la macchina con l’autista o entra nella berlina o Suv di lusso e vola via per andare a lavorare anche per i pensionati parassiti che hanno il torto di essere in buona salute e longevi o di essere ammalati e non morire, per gli esodati, per i disoccupati volontari, i cassaintegrati,commercianti evasori, i morti di fame assistiti dalla Caritas.. Costoro hanno i parcheggi riservati,hanno le scorte o i guarda spalle che allontanano questuanti, non portano in tasca monetine ma banconote,carte di credito e bancomat. I chiamati o nominati a governarci non incontrano al mercato la vecchina che scartando i rifiuti cerca di trovare una foglia per fare l’insalata o una patata marcita dalla quale può tagliarne una fettina commestibile. Dai media molti dicono che siamo in fondo al tunnel e vediamo già la luce: ma perché non hanno l’onestà intellettuale di dire che siamo in fondo al pozzo? Vogliamo almeno la verità. Purtroppo il popolo non è cosciente della propria forza. Il popolo è come il bue che pur essendo imponente e forte, non avendo piena coscienza di queste sue doti si lascia aggiogare anche da un esile e vecchio contadino Si suole dire : il popolo prenda coscienza della forza che ha e con l’arma del voto faccia piazza pulita. Ma come può adoperare proficuamente il voto (arma ) se il sistema elettorale (munizioni ) è e rimarrà scelto da coloro che si vorrebbero sostituire. Anche utilizzando il voto il popolo può sparare solo a salve, restando contento e gabbato e finendo con il lasciare le cose come sono? Viene da dire Ora basta, vogliamo almeno la verità e nessuno si lamenti se un giorno a l’altro la piazza si riempie ed arriva la primavera. francesco amoroso, uomo qualunque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog