Cerca

TIM e la garanzia sui suoi prodotti

Gentile Direttore, innanzitutto la ringrazio per i minuti che vorrà e potrà dedicare a questa mia breve mail. Se poi lo riterrà opportuno potrò dettagliatamente, e con prove autentiche e scritte, documentarLe il tutto. Vengo subito ai fatti. A marzo 2012 acquisto un telefono iphone 4s da TIM con offerta rateizzazione (20 € telefono + 10 € 1 gb di internet, il tutto al mese per 30 mesi). Il 25 ottobre del 2013, causa guasto del tasto di accensione dell’iphone porto lo stesso in un centro TIM. Ad oggi, 36 giorni dopo, non so che fine abbia fatto il mio telefono e non ho risposte da TIM, anzi peggio (in 2 mail, le uniche 2, mi dicono che la garanzia e l’assistenza deve darla il produttore e non loro che sono semplici venditori). La Legge dice esattamente il contrario. In queste 5 lunghissime settimane mi hanno continuato regolarmente ad addebitare i canoni dell’offerta, mi hanno fatto sapere che se voglio recedere ho una penale da pagare (penale, ha letto bene nonostante sia un utente privato, purtroppo solo a voce), mi hanno fatto scrivere fax (ai quali non hanno mai risposto) e una raccomandata (IDEM come per i fax). Adesso io mi chiedo, che siano i primi effetti del passo indietro fatto dall’antitrust, che si è dichiarata non più competente in materia di telecomunicazioni? O è semplicemente un modo tutto italiano di gestire il proprio cliente (da ben 15 anni)? Siamo sicuri che sia così conveniente acquistare i telefoni direttamente dai gestori telefonici se poi non sanno e non vogliono dare assistenza, nemmeno la garanzia legale? La ringrazio nuovamente per il tempo che ha voluto dedicarmi. Cordiali saluti, Marcello Cavarzere

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog