Cerca

L'Italia del non ritorno

Caro direttore, in un piccolo paese della provincia ,si sente molto di piu' l'andamento disastroso del nostro paese ,i non segni di ripresa sono molto piu' marcati rispetto ai grandi centri,in questa fase sarebbe opportuno mandare a casa tutti a fare un altro mestiere ,dato che questo non lo sanno fare, ma non alle dipendenze dello stato. Quello che sarebbe opportuno fare e' eleggere un decimo del direttivo che a fine mandato se non sono rieletti vanno a casa a fare appunto un altro mestiere senza legami o appartenenze di qualsivoglia natura ,senza cumuli contributivi ,senza buone uscite insomma senza privilegi, come cittadini normali. Se le aziende dimagriscono per tanti motivi,dimagriscono anche i lavoratori ,nella azienda Stato che sta dimagrendo per tanti motivi ,si continua ad assumere. non e' pui' possibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog