Cerca

Agevolazioni per chiusure forzate di attività commerciali, artigianali o turistiche

La disturbo per segnalarle e a me stesso in più occasioni segnalato, un grande problema che in questi ultimi tempi si accumula ai già altrettanti grandi problemi che hanno diversi piccoli imprenditori per lo più anziani di molte attività, commerciali, artigianali e turistiche. Con la crisi, hanno accumulato debiti, su debiti tirando avanti e sperando in una possibile ripresa. Arrivati al punto di……DOVER ARRENDERSI, per debiti con banche, etc. preferirebbero chiudere le loro attività piuttosto che continuare il lungo stillicidio che crea loro anche paure, ansie e indebolisce ancor di più il loro stato d’animo e di salute. In sintesi il PROBLEMA E’ QUESTO: 1) Coloro che hanno inserito un immobile o macchinari ed altre attrezzature nella loro attività come bene strumentale, se DECIDONO PER I TANTI DEBITI CHIUDERE L’ATTIVITA’, devono autofatturarsi il valore di questi beni e RIPORTARLI NELLA SFERA PERSONALE PAGANDO CIFRE ALTISSIME, OLTRE il 30/40 % DEL VALORE AL FISCO. 2) Come è POSSIBILE RIDARE UN PO’ DI SERENITA’ A CHI FINO AD ORA SI E’ SACRIFICATO MOLTISSIMO E NON HA SOLDI PER CHIUDERE ????DEVE CONTINUARE A FAR DEBITI E FARSI PORTAR VIA TUTTO DALLE BANCHE DOPO TANTI SACRIFICI ???? LE CHIEDO DI RENDERSI DISPONIBILE A SOLLECITARE NEL FAR INSERIRE NEL PATTO DI STABILITA’ UNA CLAUSOLA CHE PREVEDA UNA AGEVOLAZIONE PER CHI OBERRATO DAI DEBITI SENZA ULTERIORI ESBORSI DESIDERA CHIUDERE ATTIVITA’ ORMAI IMPRODUTTIVE Grazie e cordiali saluti Mario Carnali

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog