Cerca

IL PRESIDENTE TACE

Caro Direttore: Certo, starà studiando il discorso di fine anno. In un mondo digitale lui è ancora analogico, si prende tutto il tempo necessario, sai, tra concerti e banchetti il tempo passa e trovarne un po' per il popolo bue... no, non si può, meglio di no. A dir vero, la nostra gente, come forse tutta la gente italiana era disposta a dimenticare lunghi tormenti per una sola parola affettuosa. Come non detto, i forconi allora rimangono nel fango e gli Dei regnano ancora imperterriti nell'Olimpo. Grazie di tutto, comunque, illustrissimo signor presidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog