Cerca

La rivolta dei Forconi

Buon giorno Sig. Belpietro A proposito della rivolta dei Forconi: L"On. Alfano in più interventi minaccia i rivoltosi di rappresaglie armate per fermare coloro che fomentano la violenza. A questo punto mi dico: no, non é possibile, l’ "onorevole" Alfano non farà mai una cosa del genere cioé, non invierà mai le forze dell’ordine al parlamento per fermare la continua violenza che i cosiddetti rappresentanti del popolo ci fanno tutti i giorni 24 ore su 24 e non solo violenza spirituale ma anche fisica e quella fisica la lasciano fare agli altri, ai poliziotti che per un giuramento ed un salario sono costretti ad eseguire gli ordini di chi con inganno li ha presi in ostaggio facendoli lavorare per loro e non per il popolo; " la loro manovalanza". Quindi o é uscito di senno o non si rende conto di ció che dice. A questo punto vorrei farle notare che in effetti tra la Mafia costituzionale e quella incostituzionale non vi é nessuna differenza se non nel metodo uno subdolo e perverso, l’altro spietato e diretto. Questo governo e tutti quelli precedenti sono illegali perché nessuno degli eletti é stato veramente eletto dal popolo ma dai partiti che avanzano i loro prescelti presentandoli agli elettori che poi votano perché essendo membri del partito o militanti, pensano di potersi fidare. In realtà per gli elettori sono assolutamente degli sconosciuti che hanno il dispiacere di conoscere solo dopo le elezioni quando si rendono conto che le loro aspettative sono state deluse e che tutti gli sforzi degli eletti sono rivolti al partito al fine che questi possa conquistare il potere. Le poltrone che occupano sono abusive e abusivamente esercitano un potere che hanno usurpato. Quello di Renzi é un’altra farsa in un momento particolare come il nostro dove vi é tanta confusione, per un buon ciarlatano come é non é difficile far colpo su tanti cuori spezzati. Presenta la sua squadra, (un’altro cazzaro che parla utilizzando la metafora del calcio) come se il solo problema degli italiani fosse il calcio e non si interessano che ad esso quindi completamente all’oscuro di tutto il resto senza parlare poi di politica. Siamo talmente stupidi che solo con una tale metafore, forse riusciremo a capire. Che presuntuoso arrogante e falso seduttore oltre tutto. A me non interessa che chi ci governa sia donna o uomo purché faccia il suo dovere di impiegato modello perché non é che un impiegato assunto dai cittadini per gestire il territorio italiano di cui gli italiani sono i beneficiari e questo territorio, deve essere poi consegnato in ottime condizioni ai prossimi beneficiari (ospiti) che verranno cioé, le generazioni future. il voler ostentare che la cosí detta squadra di calcio o altro che ha presentato sia a maggioranza femminile mi sa tanto di un’ennesima presa in giro perché l’eguaglianza é nello spirito non nell’apparenza. A questo punto devo dire che purtroppo i buoni e onesti politici non esistono, esistono gli uomini buoni e onesti, i politici sono legati ad un partito che é verticistico quindi per definizione antidemocratico dove l’uomo onesto non ha senso perché ció che conta é il partito, la sua ascesa al potere e con ogni mezzo. L’ultima cosa, l’informazione. I giornalisti cosí come i media di comunicazione ed informazione sono legati ai partiti e solo se si tratta di casi che non coinvolgono direttamente il mondo politico forse, sono imparziali altrimenti la disinformazione é d’obbligo e del resto non possono sputare nel piatto dove mangiano. Ecco perché lo "STATO" i partiti e i sindacati devono essere eliminati, vi é troppa competizione e poi i sindacati in un paese veramente democratico non hanno nessun senso d’ esistere perché i diritti dei cittadini in uno Stato democratico sono automaticamente rispettati. Se non é cosi, significa che siamo ancora molto lontani da una democrazia democratica. Ci sono altre strade che possiamo percorrere ma stranamente facciamo sempre la stessa. Qui mi fermo, non voglio importunarla più a lungo anche se ci sono ancora tantissime cose da dire purtroppo, in una serata non é possibile. Forse un’altra volta. La ringrazio di avermi letto e le faccio i miei più sinceri auguri. Rino Telaro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog