Cerca

Un paese allo sbando

Ma cosa credevano politici e “benpensanti” di questo paese? Veramente pensavano che gli italiani subissero senza dire nulla? Ora cominciano ad avere paura ma oramai si è superato ogni limite, la corda a forza di tirare si è rotta. Non credo servano questi proclami di Letta sul finanziamento dei partiti che in poche ore assume il sapore dell’ennesima presa per i fondelli. Sono troppi gli italiani che non ce la fanno; lavoratori dipendenti che hanno perso il lavoro e che non hanno né prospettive né un sostegno. Io personalmente ho sperimentato purtroppo il sostegno all’affitto che c’è in questo paese. Prima devi pagare per tutto l’anno poi presenti mi sembra a marzo dell’anno successivo la domanda per il sostegno all’affitto (che hai già dovuto pagare, con quali soldi non si sa altrimenti non chiederesti il sostegno) e alla fine ti vedi arrivare l’anno dopo ancora il 20% di quanto previsto perché, la regione ti dice, non ci sono fondi mentre sappiamo bene che i fondi per certe cose ci sono eccome. Ci sono decine, centinaia di migliaia di lavoratori autonomi che non ce la fanno ad arrivare a fine mese e che lo stato continua a vessare per imposte che non hanno potuto pagare causa la crisi. Industriali, artigiani, commercianti, liberi professionisti hanno visto il loro reddito ridursi in modo drastico e si trovano costretti a utilizzare i risparmi quando ci sono per sopravvivere. E a tutto questo, a parte le luci di Manhattan che vede il Presidente del Consiglio, non si prospetta alcun rimedio. Oramai anche avvocati, commercialisti, medici, dentisti, ingegneri, architetti e tante altre categorie sono alla frutta perché i clienti sono sempre meno come sempre meno sono i soldi in circolazione. Oramai siamo all’effetto domino che vede cadere una tessera dopo l’alta. C’è la crisi, lo sappiamo, la crisi peggiore dal 1029 se non peggiore anche di quella. In America sono saltate banche, ci sono paesi che hanno rischiato forse la guerra civile, altri paesi con una situazione politoco-economico-finanziaria migliore hanno retto bene o male ma a caro prezzo. Noi continuiamo ad affondare, è come se nel corso di un naufragio, mentre altri per salvarsi si gettano a mare con un salvagente più o meno sgonfio, ci lanciassimo fuori bordo con un incudine legato a una caviglia. Ci vuol poco a capire che fine si fa. Decine di milioni di italiani di giorno in giorno peggiorano la propria situazione e aprendo i giornali o guardando la televisioni vedono un susseguirsi senza fine di notizie di malaffare dilagante. Di poche settimane fa è l’epilogo del caso del sottosegretario Patroni Griffi. Questo trasferito a Roma anni or sono usufruì a ottimo prezzo di un alloggio dell’INPS. Dopo anni gli venne proposto di acquistare l’alloggio per un certo prezzo che però lui contestò rivolgendosi, da magistrato, ad altri magistrati che gli diedero ragione adducendo la motivazione non buone condizioni dell’alloggio (in cui lui però viveva da anni) decurtando il prezzo del 50%,. E per finire due anni dopo il signor Patroni Griffi rivendette per oltre 800.000 € l’alloggio acquistato per 270.000 €. Poi ci vengono a dire che l’INPS ha i conti in rosso. Tutto questo è reato? Certamente no però è una vergogna e chissà quanti di questi casi ci sono, e state pur sicuri che l’affare non l’ha fatto il sig. Bianchi. Io sono pessimista, molto pessimista perché non vedo la volontà di uscire da tutto questo. Corruzione dilagante, scarsissimo rendimento della macchina pubblica ma non per colpa dei dipendenti pubblici bensì dei loro capi. Nell’Italia in rovina ci possiamo continuare a permettere megafunzionari pagati tre o quattro volte gli omologhi nel mondo? persone che hanno stipendi a 5 zeri, liquidazioni a 6 e pensioni che sono 20, 30, 40 volte quelle di un onesto lavoratore? Almeno le cose funzionassero e non ci trovassimo in questa situazione. Certamente non sono tutti così, anche la politica non è fatta di persone tutte uguali però quelli che si dichiarano onesti quante volte hanno denunciato quello che non andava? quante volte hanno fatto come le tre scimmiette? possibile che nessuno si accorgesse di nulla? Si pecca in parole e opere ma anche in omissioni ricordino bene tutti questi signori. Abbiamo le istituzioni più costose del mondo (tolti forse stati dove ci sono regimi dittatoriali). Quirinale, Camera, Senato, Corte Costituzionale, Corte dei Conti, i vari palazzi romani dei ministeri, le numerose Authority necessarie perché non ci sono già sufficienti baracconi, e tanti altri sconosciuti uffici sono pozzi senza fondo. Mentre il criticato Berlusconi con le sue televisioni vendendo pubblicità guadagna miliardi, la RAI produce perennemente perdite (di soldi dei contribuenti) eppure anche lei vende credo non meno pubblicità di Mediaset. Ora è arrivato Renzi che sembra tutti aspettassero come salvatore della patria. Io dico di stare attenti perché il buon Matteo come oserà toccare le leve verrà fulminato. Sono sicuro che la macchina del fango caricata a palle incatenate è già pronta a colpire. Questo paese è in mano a una cricca di sciagurati (politici, burocrati, magistrati, sindacalisti, giornalisti, imprenditori) che non vogliono cambiare, questo è troppo evidente oramai, del resto così le cose non possono continuare, non possono perché non c’è più margine e con le buone o con le cattive qualcosa dovrà succedere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog