Cerca

Su Renzi Crozza aveva ragione

Matteo Renzi ha fatto la sua prima figura di merda da segretario del Pd. In passato ne aveva già fatte altre, in altri ruoli. Da sindaco di Firenze si era distinto per l'attivismo alla Gentilini, minacciando di mettere in riga i dipendenti del suo comune.''A chi non scatta niente scatti'', ringhiava per i corridoi di Palazzo Vecchio. Ai talk show spiegava i tagli alle auto blu, i suoi giri in bici per controllare le buche per strada mentre i fiorentini si incazzavano per le sue assenze dovute alla corsa alla segreteria del partito e lamentavano l'abbandono del centro storico. La sua parola contro quella di qualche decina di migliaia di persone. Vabbè...Poi la faida con i vecchi comunisti che le hanno tentate tutte per farlo fuori. Ci sono riusciti cambiando le regole in corsa. Bersani segretario e candidato premier. Bersani fatto a pezzi nelle urne. Nuove primarie e Matteo segretario. Ora è al settimo cielo perchè può esprimersi in tutte le pose da comandante che ha provato allo specchio in questi anni di delfinato sfoggiando il suo approccio high tech che esprime con i suoi famosi tweet, prontamente copiati da Letta che ha annunciato così, urbi et orbi, nientemeno che l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti..a partire dal 2017. Ora apprendo che le priorità per l'Italia, secondo l'integerrimo primo cittadino di Firenze e segretario del Pd, sono l'abolizione della Bossi-Fini con attribuzione del famigerato ius soli a tutti i clandestini che nascono a casa nostra e la legge elettorale?! Ha provato a batter Grillo sul suo terreno con una proposta da capoclasse di quinta elementare un pò tonto affidata ad un hashtag -non so bene cosa sia- e quello gli ha risposto con eleganza di andare a cagare. Insomma, questo Renzi mi pare proprio un cretinetti. Alla fine aveva ragione Crozza. Da uno così la destra non ha niente da temere. Un saluto Giorgio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog