Cerca

UN'OPPORTUNITA'

Caro Direttore: Normalmente, quando c'è da riformare qualcosa in meglio si pensa subito a non aumentare le spese per non gravare sul dissestato bilancio statale. Una cosa si può fare in fretta e a costo zero: tagliare la burocrazia inutile. Per chi vuole aprire una nuova attività o ampliarne una già esistente ci vuole un tappeto rosso a terra, non cavalli di Frisia od ostacoli a difesa di un'ipotetica città di Groninga dagli attacchi di un altrettanto ipotetica cavalleria spagnola. Qui da noi quello che può fare un singolo si preferisce farlo fare "peggio" ad una commissione e se si deve pagare una tassa si opta per la sua divisione in varie parti, ripartite in più bollettini, con più spese, più code agli sportelli e ai CAF e magari cambiandogli spesso di nome, così, tanto per impegnare un po' i commercialisti scansafatiche. Di burocrazia si muore, fra timbri, scadenze, attese e marche da bollo c'è chi si rompe il ca..o e se ne va all'estero dove viene accolto con la fanfara e gli inchini degli indigeni festanti. I "burosauri" di oggi sono come quelli di ieri, in sostanza poco è cambiato, usano un moderno computer invece del pennino con l'inchiostro, risparmiano i minuti e poi sprecano le ore in cose inutili. Quando la burocrazia ti porta via una gran parte della giornata e della vita, ti crea preoccupazioni in caso di errori per non incorrere in penali, sovrattasse o interessi di mora, tutto questo ti deprime e ti induce a fare il testamento in anticipo, ma mi raccomando, fallo in triplice copia!!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog