Cerca

Comprare Italiano e ricchezza degli Italiani.

Egregio Direttore, Diciamoci la verità. Made in Tunisia, made in Cambogia, made in Bangladesh, made in China … E’ difficile ormai trovare prodotti Italiani. “Non è possibile avere la moglie ubriaca e la botte piena”. Ed è assurdo pensare di creare lavoro proponendo l’ abolizione dell’ art. 18, perché se l’ Italiano non compra Italiano, non si assumono lavoratori in Italia. In tempo di crisi economica altrettanto allucinante, oltreché ideologicamente scorretto, è introdurre il riccometro, quando i dipendenti a fine mese percepiscono uno stipendio che è contrattualmente noto. La ricchezza reale dei cittadini Italiani, cioè la capacità di spesa di ogni famiglia, è costituita da quanto a fine mese percepiscono, non dalla casa pluritassata che hanno comprato con sacrifici e mutui bancari pluriennali e che abitano per non andare a dormire sotto i ponti. I governanti Italiani per giustificare la tassazione con il riccometro pretendono di far ricchi gli Italiani senza aumentare loro lo stipendio. Con osservanza, Umberto Marzano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog