Cerca

RILANCIAMO L'ITALIA CON IL TURISMO

Caro Direttore, Ora basta! E' ora di finirla! Non si continui a fare gli struzzi! Basta scioperi, soprattutto dei trasporti e della rete dei distributori di carburante. Basta manifestazioni violente con distruzioni delle nostre splendide citta' e blocco delle principali arterie stradali. Basta costruzioni abusive che cadono a pezzi causa il dissesto idrogeologico. Basta far finta di non vedere che necessitano investimenti per salvaguardare il nostro territorio per la sicurezza dei cittadini. Dragate sti fiumi e zittite gli ambientalisti che si nascondono dietro l'albero dopo che si verifica l'"alluvione" con strascichi di vite innocenti e costi per la collettivita'... Completate le "Grandi Opere" per una migliore circolazione di persone e cose e per far parte di una struttura che non portera' altro che risultati economicamente positivi. La ricetta per uscire da questa pericolosa crisi e' una sola: "TURISMO". Ma vi chiedete chi ha voglia di visitare il nostro Paese con le premesse di cui sopra. Possediamo il 70 per cento dei beni architettonici e paesaggistici del mondo e ci lasciamo sfuggire cosi' semplicemente i turisti. Magari anche con uffici del turismo nascosti, antiquati e chiusi nei week-end come pure i musei. E con siti archeologici che cadono a pezzi...e nei dintorni rifiuti per strada a non finire... Andiamo ancora avanti per inerzia, roba da matti! Investire nel TURISMO, nostra punta di diamante, significa far girare tra puro settore ed indotto circa il 15 per cento del Pil. Percentuale che potrebbe raddoppiare sicuramente solo se si studiasse una politica vera e sana che lo deve, ora più che mai, far diventare trainante dell'economia nazionale. Basti pensare solo ad un rimodernamento dell'80 per cento del comparto alberghiero-ricettivo. Non e' possibile accogliere e far pagare stanze a caro prezzo nelle situazioni attuali. Magari pubblicizzate nei siti specializzati come "oro colato". Si provi solo in questo caso ad immaginare il giro d'affari oltre il rilancio dell'occupazione... Questa sfida e' per un'Italia non legata alla vecchia nomenclatura della "politica" ma per quella che ha a cuore il BENE della Nazione. Ce la possiamo ancora fare! Non perdiamo questo treno...facciamo sistema, TUTTI, e riscaldiamo i muscoli nello stivale per un goal indimenticabile spazzando via chi, molto vicino..., ci vuole far sprofondare nel Mediterraneo.... Grazie Direttore, Auguri per uno splendido 2014 a Lei, al Suo staff ed a tutti gli appassionati lettori. Francesco Chiavegato Desenzano del Garda Un quarantenne pronto al rilancio del nostro meraviglioso Paese. Per un prossimo ventennio pieno di nuove idee...percorrendo binari ben chiari e sicuramente liberi da compromessi!!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog