Cerca

La Brianza di Virzì.

Una Brianza “gelida, ostile e minacciosA” Minacciosa coi lazzaroni e con i furbi, di sicuro. Tuttavia siamo sinceri: • che il brianzolo sia burbero e un po’ "freddo" (più che altro, frettoloso), magari poco raffinato e poco incline a meditazioni socio-filosofiche, non è un mistero. • Che ci sia una percentuale di evasori fiscali (meno che nelle regioni del "sommerso", comunque), gli stessi che guidano il SUV con aria strafottente e sfoggiano brutti capi firmati, è vero. Ma la grandissima maggioranza dei brianzoli (nativi e acquisiti), e limitrofi, lavora sodo tutto l'anno e si fa un mazzo così. Da Monza a Lecco, da Como a Varese a Bergamo, e dintorni, ci sono zone in cui ogni villetta ospita un’aziendina gioiello – che spesso esporta eccellenza in tutto il mondo - dove titolari e dipendenti lavorano come tarantolati, per produrre tasse (tante) e reddito (quel che resta); se facessero i dipendenti statali avrebbero meno grattacapi e meno insonnia, ma più reddito e più salute. Questi soggetti “ostili” pagano le tasse che servono a mantenere i finti ciechi, i finti storpi, i finti forestali, i finti consulenti ministeriali e tutti gli altri ceti parassitari, compresi i superpagati burocrati romani (Alitalia, Rai, Inps, Equitalia, Ferrovie, Poste, Ministeri, ecc.); i quali, vivendo gratis, non sono “gelidi” e nemmeno “ostili”: eh be’, grazie…. Ciò vale anche per autori e registi mediocri, che senza i soldi del Contribuente non potrebbero fare i loro film; al massimo laverebbero piatti nelle mense. Ma facciamo un esperimento: ? Proviamo a fare a meno delle tasse dei brianzoli, “gelidi e ostili”. ? E smettiamo di mantenere i “caldi e amichevoli” parassiti di cui sopra. Vediamo chi si stanca per primo ? Alberto Dalla Villa Milano (non Brianza, ma vicino)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog