Cerca

Ritorna " Ci vuole più Europa! "

C' è uno slogan più insignificante, insulso, stupido, scialbo, logoro, prevedibile, ordinario, ovvio, ma anche offensivo di "ci vuole più Europa"? Offensivo nei confronti dei cittadini perché non si può ridurre ad un' espressione luogo comune la complessità estrema dei rapporti tra Unione europea e i paesi che la compongono. Da qualche mese non lo sentivamo più pronunciare. Si pensava che l'attuale classe politica avesse capito che non si può arrivare al punto di imbonire la gente raccontando frottole sintetizzate con slogan abominevoli. Si reputava che avessero inteso che certi limiti nel manipolare i cittadini non potessero essere oltrepassati. E invece NO!!!. Non avevano capito niente!!! Oggi da uno dei massimi esponenti delle istituzioni in visita all'estero è tornato con enfasi "Ci vuole più Europa!" Un esempio di come veniamo considerati. Creduloni, ingenui, senza capacità di discernimento, privi di cultura, incompetenti. Quale Europa si vuole di più? Quella del vincolo 3% deficit/pil che induce un mare di imposte, fa fallire le aziende e crea disoccupazione, quella di una commissione non eletta da nessuno che decide su ogni aspetto della nostra vita, quella del Patto di stabilità che impedisce ai comuni di spendere i soldi versati dai cittadini lasciando strade con buche come crateri e non permettendo di attuare progetti di prevenzione nei confronti delle calamità naturali, quella del commissario europeo Olli Rehn, che ci rimprovera paragonando il nostro Paese ad una vettura da corsa con il motore fuso, quella del nostro latte gettato via per poi doversi rifornire da altre nazioni. Grazie è sufficiente questa, di più sarebbe il baratro!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog