Cerca

i cambiacasacca ed i senzaidee scornati

Non poteva che essere contestato. Ritengo, però, che l'incontro tra i leader dei due maggiori partiti sia, speriamo che gli eventi lo confermino, un segnale di alto valore democratico e della volontà di risolvere in modo democratico la disastrosa situazione della nostra malandata Italia. Le riforme, specialmente quelle più importanti, non possono e non devono essere fatte con sporchi giochi di bottega e/o imposte con accordi di dubbia moralità.L'incontro tra Renzi e Berlusconi, pertanto, non poteva che essere contestato da coloro che fanno della parola "democrazia" uno spudorato ed akkulturato sfoggio sotto il ridicolo marchio di "progressisti": quotidianamnte, invece, dimostrano di essere mentalmente retrogradi ed ancorati a concetti ormai condannati dalla storia, a quella convinzione espressa da Berlinguer che loro "sono i migliori dal punto di vista morale" ed dall'esternazione di D'Alema, all'indomani della batosta elettorale del 2008, secondo cui "le persone colte e che leggono hanno votato per la sx". Proseguire con queste ridicolaggini in testa, smentite quotidianamente da fatti concreti, non può che portare alla contestazione priva di qualsiasi logica dell'incontro in argomento. Il disappunto delle mezze tacche, che cambiano casacca alla bisogna, era anche esso scontato. Cordialmente Leonardo CeccaI cambi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog