Cerca

Graduatorie ad Esaurimento: fascia aggiuntiva

Gentile Direttore, vorrei che pubblicasse questa lettera per permetterci di poter far conoscere una condizione discriminatoria che da anni crea malcontento in termini di reclutamento scolastico. Sono un docente di Pianoforte delle scuole medie ad indirizzo musicale, ovvero scuole medie statali dove, oltre alla lezione di educazione musicale curricolare, è possibile imparare a suonare un vero e proprio strumento musicale. Questo tipo di scuole sta avendo una crescita sempre maggiore proprio perché finalmente nel nostro paese, patria dell'arte e della musica in particolare, sempre più persone cominciano a capire quanto sia importante avvicinarsi a quest'arte così antica e nobile, attraverso lo studio di uno strumento, non solo per farne poi una vera e propria professione, ma come formazione culturale generale. Come tutti gli altri docenti però anche noi subiamo la mancanza di attenzione da parte della classe dirigente che, cieca ormai da anni, non ha saputo valorizzare proprio quei settori della nostra società che invece avrebbero potuto fare da traino per una rinascita di quei valori etici e morali che dovrebbero essere fondamento di qualsiasi civiltà, e che da sempre hanno nella scuola la più alta probabilità di essere coltivati. Veniamo a noi. Dopo aver conseguito il Diploma presso il Conservatorio( si chiama Diploma ma è una laurea di I livello ed il corso dura per molti strumenti anche 10 anni) e il diploma di maturità di scuola secondaria di II grado, abbiamo frequentato un corso di abilitazione di 2 anni con tanto di esame teorico-pratico a numero chiuso per l'accesso e tesi conclusiva, per ottenere una laurea abilitante di II livello ed essere inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento(GAE). Purtroppo però contrariamente ai nostri colleghi che hanno conseguito l'abilitazione nel 2009 e sono stati inseriti nella III fascia delle GAE a noi abilitati nel 2010 e 2011 è stato negato l'accesso poiché una norma del 2007 aveva nel frattempo chiuso le graduatorie, trasformandole da “Permanenti” in “ad Esaurimento”. Questa chiusura ha di fatto creato un solco temporale piuttosto complesso e “pasticciato”. Infatti il legislatore ha bloccato i corsi abilitanti per tutte le discipline, le famose SSIS, ma ha “dimenticato” di fermare i nostri per strumento musicale, anche perché, contrariamente alle altre discipline, per noi vi era stato un solo ciclo di abilitazioni, nel biennio 2007/2009, e quindi l'autorizzazione da parte del Ministero degli altri 2 cicli è apparsa più che ragionevole, a chi come me ha deciso di investire 2 anni di tempo e 3.200 euro solo per l'iscrizione e la frequenza del corso di durata biennale. In questi anni abbiamo cercato in tutti i modi di attirare l'attenzione della politica su di noi che numericamente siamo piuttosto insignificanti ( circa 1200 in tutta Italia) e nel 2012 con il decreto cosiddetto “ Milleproroghe” abbiamo ottenuto una piccola vittoria; ci hanno inserito nelle GAE ma non nelle nostre posizioni in base al punteggio , e quindi al merito, ma in coda a chi aveva conseguito lo stesso titolo ma solamente un anno prima, in una “ Fascia aggiuntiva” dal sapore marcatamente anticostituzionale ( 2 sentenze della Corte Costituzionale, la 41/2011 e la 242/2011, hanno di fatto vietato le CODE tra docenti che possiedono gli stessi requisiti). Oltre al danno la beffa! Le scrivo oggi, caro direttore, per far sì che più persone vengano a conoscenza di queste incredibili situazioni, e mi rivolgo soprattutto agli italiani che hanno figli in età scolare, poiché immagino che a ciascun genitore possa interessare che il proprio figlio sia seguito da docenti che esercitano la loro professione in base ai propri meriti e non perché sono semplicemente arrivati prima, come in una triste gara dove chi vince è solo l'inadeguatezza di chi, anziché governare con lungimiranza, non è in grado neppure di guardare al di là del proprio naso. A nome del coordinamento nazionale dei docenti di strumento musicale. Prof. Mazza Giovanni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog