Cerca

cari patronati

Caro Direttore, certamente mi sarà sfuggito, ma fra le tante esotiche statistiche non ho ritrovato un calcolo circa il costo per gli Italiani dei famosi patronati, il cui intervento si rende necessario per calcolare le estrosissime tasse locali imposte da una politica su cui sospendo ogni commento. Considerando che i triplici sindacati sono un poco in astinenza da tesseramento, sorge il dubbio che i patronati divengano una preponderante via di finanziamento, e sorge il dubbio che il governo non disdegni generare (con leggi demenzialmente intricate) la necessità di ricorrere ai patronati per poter pagare le tasse. Credo che, sopratutto per le classi sociali più basse, in molti casi l'accesso necessario a questi "ausili" possa, esso stesso, divenire una tassa addizionale particolarmente odiosa. Mi piacerebbe sapere quanto incassano i sindacati e come questa tassa viene ripartita. Se proprio non possiamo far a meno di foraggiare i sindacati (anche quando i lavoratori non ne vogliono sapere), si potrebbe proporre un finanziamento pubblico, se gli Italiani lo vogliono...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog