Cerca

In attesa di risposta

Caro Direttore, devo confessarle che,come già ebbi occasione di scrivere,anch’io ero convinto,quando un giudice alquanto loquace pronunciò nell’aula della Cassazione in seduta “feriale” la sua condanna per reato fiscale,che di lì a poco,oltre a sequestrargli il passaporto,Silvio Berlusconi fosse in qualche maniera e compatibilmente con i suoi,da lei oggi ricordati,numerosi anni,limitato nei movimenti e nelle azioni (ipotesi : far l’aiutante di Don Mazzi,il confine domiciliare senza uso di telefono,altra pena applicabile). Viceversa,a distanza di mesi,la Magistratura,con grande soddisfazione per chi lo ha sostenuto più volte col voto come il sovraniccato,lo lascia libero di esporsi,di riorganizzarsi (veda i “Club”),perfino di incontrare il rampante sindaco fiorentino in trasferta per definire le nuove regole elettorali. Caro Direttore,io continuo a chiederlo in giro,ma nessuno finora mi ha risposto. Così,provo a fare la mia domanda a lei : lo lasciano ancora libero,il Cavaliere,perché sono in attesa che si pronunci Strasburgo,perché temono una rivoluzione,oppure si sono accorti di aver fatto una grossa “belinata” ? Resto in attesa di eventuale attenzione a questa mia,e,come sempre,le invio cari e cordiali saluti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog