Cerca

Il coraggio giovanile di Matteo

Quel che è giusto,è giusto. Bisogna riconoscerglielo,a Matteo,che un po’ di coraggio (giovanile ?) lo ha avuto,invitando Berlusconi nella sede del partito che fino a non molto tempo fa era la tana dei comunisti “duri e puri” e ricevendolo con una certa deferenza non soltanto dovuta alla differenza d'età. Proprio adesso che il Cavaliere,a seguito di un accanimento giudiziario che probabilmente non ha eguali al mondo e pur avendo subito una condanna che annichilirebbe chicchessia,ha rialzato la testa e ha riorganizzato il partito a modo suo. Ma sopratutto quando da più parti ci si diverte a chiamarlo “il pregiudicato” ed è stato cacciato anche dal Senato. Ben diversa fu l’attitudine di PierLuigi Bersani quando incontrò l’ex Premier ancora Senatore della Repubblica. Sono certo che se si ritrovassero in ambito privato,il politico anziano e quello giovane si divertirebbero da matti sganasciandosi dalle risa alla faccia di chi vuol male ad entrambi…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog