Cerca

Invalidi senza lavoro e pensione

Il dolore e l’indifferenza Invalidi senza lavoro e pensione Da mesi cerco di portare all’attenzione dei politici di tutti gli schieramenti il dramma che ha colpito i portatori di handicap italiani. Con l’entrata in vigore della Legge Fornero sulle pensioni, lo Stato riconosce il collocamento mirato per coloro che hanno un’invalidità compresa tra il 46% e il 74%, ma non prevede alcuno sconto per avere diritto alla pensione. Difficilmente, a fronte della crisi economica, un invalido di una certa età troverà ancora un lavoro, e pretendere che lavori fino a quasi 70 anni è una vera crudeltà. In questa battaglia mi hanno aiutato tutte le testate giornalistiche locali ma, inaspettatamente e fortunatamente, ho trovato collaborazione anche su parecchie testate nazionali. Il mio intervento è stato pubblicato da Avvenire, La Repubblica, L’Unità, Il Manifesto, Il Giornale, Libero, Oggi, e ripreso da decine di siti web. Unico rammarico, che la dice lunga sulla sensibilità dei nostri parlamentari, è il loro silenzio assordante. Quando un cittadino chiede risposte, a fronte di problemi così seri, ci si aspetta almeno un impegno. Gli invalidi devono sapere che, dopo tanti mesi, le risposte della politica a questo problema sono praticamente a zero. Grazie a tutti coloro che si sono impegnati ad informare una politica nazionale sorda e fuori dalla realtà. Io non mollerò e continuerò nella mia battaglia, perché una persona malata e in difficoltà, non si nutre se cambia la legge elettorale, ma mangia se la politica lo mette in condizione di procurarsi almeno il pane che, dopo anni di lavoro, gli spetta di diritto. Antonio Montoro - Biella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog