Cerca

Davide POTREBBE uascire

I quattordicenni sono già stati graziati di “responsabilità”. Possono perfino votare alle elezioni primarie del P.D.,il che è tutto dire. Ma sui diciassettenni,secondo la giustizia italiana,non possiamo ancora addossare la responsabilità. Lo dimostra quel che sta accadendo a Davide,il diciassettenne che neppure un anno fa accoltellò e diede fuoco all’ancora viva sua fidanzata mentre lei implorava pietà. Egli potrebbe presto uscire dalla prigione Ferrante Aporti,a Torino,a causa di due suicidi tentati dal giovane mentre era rinchiuso. Troppo,secondo il giudice di sorveglianza,per un “fuori di testa” che dal giugno scorso non parla con nessuno,neppure coi familiari. Uno che tratta in tal modo la propria donna certamente la testa a posto non la aveva,ma quando,ancora indagato,cercava di scaricare su altri la colpa del delitto la testa al suo posto ce l'aveva,e il cervello pure…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog