Cerca

IL CARROZZONE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

IL CARROZZONE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso, che abbiamo un carrozzone costosissimo, lasciatoci in eredità dall’ex D.C. Zamberletti, quando ci sono problemi veri e seri come quelli che stiamo vivendo in questo momento di pioggia e maltempo o quelli della spazzatura napoletana, si chiama in aiuto le Forze Armate, in modo particolare l’Esercito, mentre alla presenza di quelle “calamità” naturali come la calura estiva, quelli del carrozzone sono in prima fila a distribuire gratis acqua minerale agli assetati. La protezione civile è un doppione costosissimo, senza contare che in passato, quando accaddero vere calamità, intervenne, more solito, l’Esercito con l’appoggio dell’unica vera protezione civile in s.p.e. che esiste da sempre: quella generosa e gratuita degli Alpini. Perché continuare a mantenere quel costoso inutile doppione, grazie al quale riceviamo quotidianamente almeno una previsione meteorologica il minuto? Anche se il suo responsabile presuntuosamente si è aggiudicato il famoso raddrizzamento della nave Concordia. Bastava l’intervento, tra l’altro più appropriato, della nostra Marina Militare onnipresente sul mare, quando si tratta di tappare dei buchi. Cordialmente. La protezione civile è un’istituzione politica. Come mai nessuno ne parla?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog