Cerca

Corso di dottorato destinato a straniera

Cagliari 30/11/2012. Dopo aver presentato domanda, e pagato 21 euro per l'iscrizione al corso di dottorato in difesa e conservazione del suolo presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Cagliari, mi presentavo a svolgere la prova scritta che consisteva nell'elaborare un progetto di ricerca. Tra curriculum e valutazione dello scritto prendevo la misera somma di 13 punti. Tra l'altro lo stesso punteggio preso ingiustamente su una passata mal-selezione ai corsi di inglese di Sardinia Speaks English. Era presente una candidata straniera, la quale, dopo averci anche fatto gli “auguri”, prendeva punti 70 per aver svolto una pagina in più del compito scritto. In concorso è stato vinto da lei. Naturalmente anche se il colloquio orale si poteva ugualmente effettuare ho desistito considerato che avrei dovuto raggiungere i 70 punti. Sembra incredibile ma vero aver osservato la facilità di questa candidata nell'ottenere questo punteggio. Nella realtà oggettiva, era palese che costei era appoggiata da qualche professore tramite i soliti favori che si scambiano tra colleghi. Il Ministero dell'Università e della Ricerca conosce questo aspetto. Insomma, giusto per non passare per fessi, il solito mal-costume nell'assegnare dottorati. Questo è il triste “ambientino” cagliaritano dove presentare una domanda risulta essere un incubo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog