Cerca

Le premesse non sono tanto buone

Caro Direttore, spesso ho sentito parlare dei vari trucchetti che usano scrutatori di una certa fede politica per far annullare le schede "indigeste". Il trucco più diffuso era quello di mettersi una mina da matita sotto le unghie per segnare la scheda da annullare. Personalmente stentavo a credervi ma tale comportamento mi fu confermato, con dovizia di particolari, alcuni anni fa da un presidente di seggio e, pertanto, non ho avuto più alcun dubbio su questa indecorosa pratica. L'idea che mi feci e che tuttora ho è che una certa fazione politica vuole comandare per forza fino ad alterare il responso elettorale. E' l'estremo esempio di inciviltà che può essere praticato solo da regimi totalitari. E' stato perciò doveroso da parte di Berlusconi, all'approssimarsi delle elezioni, invitare a vigilare sull'operato degli scrutatori di sinistra, in particolar modo quelli figli del mai defunto PCI. Quanto sta emergendo, con particolari sempre più sconcertanti circa le "sbavature" di Napolitano, custode e difensore della Costituzione, si fa per dire, mi fa venire in mente proprio quei disonesti scrutatori che con ignobili artifizi vanificavano la volontà del popolo italiano. Certo spacciarsi per vestali della Costituzione, per poi ordire trucchetti, che nulla hanno di democratico e di rispettoso verso i cittadini, è veramente deplorevole, bisogna solo avere l'arroganza di stare al potere a qualsiasi costo unitamente ad uno stomaco degno di studio a livello planetario. Trucchetti a parte spero che questa volta i giochetti da retrobettega , perchè ssporcho giochetti ci sono stati in questi ultimi due anni,riultino utili per l'Italia indipendentemente da chi sarà premier e da chi sarà nominato ministro. Lo spero vivamente ma le premesse non sono belle anzi, sono da valzer di quaquaraqqua. Renzi che che mesi ha gridato ai quattro venti che non voleva la "poltroncina" e poi è corso ha fare provviste di collante per tnersela, ha tradito apertamente e spudoratamente Letta anche se costui valeva meno di niente, aveva promesso un governo di 10 ministri e con il passare dei giorni aumentano che è una bellezza inoltre ha promesso tante di quelle cose che solo basta farne metà per essere fatto santo da vivo. Ad ogni modo, forse era l'unico che i giochetti potevano eleggere, ora sarebbe opportuno che TUTTI collaborassero. Cordialmente Leonardo Cecca

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog