Cerca

circa 50.000 querele sono state depositate alle stazioni dei carabinieri di tutta Italia con l’accus

Piu’ di 50mila denunce contro il governo per “istigazione al suicidio” sono state presentate in tutte le procure d’Italia dal Comitato art. 580 (l’articolo del codice penale che configura il reato). Il popolo è pronto a procedere penalmente nei confronti di tutti i membri del governo, di tutti i deputati e di tutti i senatori dell'attuale e passata legislatura che hanno assistito incuranti al volgere della crisi e alle sue drammatiche conseguenze, “ovvero di quanti verranno ritenuti responsabili del reato previsto e punito dall'articolo 580 del codice penale”, quello cioè che si riferisce all'istigazione o all'aiuto al suicidio. “Chiunque determina altrui al suicidio – recita l'articolo 580 – o rafforza l'altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l'esecuzione, è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni. Se il suicidio non avviene, è punito con la reclusione da uno a cinque anni, sempre che dal tentativo di suicidio derivi una lesione personale grave o gravissima”. Ma possiamo benissimo chiamarli “suicidi di Stato”, ovvero verso tutte quelle persone che si sono tolte la vita in seguito alla perdita del lavoro e ai conseguenti problemi finanziari. Ora, il Comitato, dalle parole vuole passare ai fatti: nei presidi di tutta Italia si sta diffondendo un modello di denuncia da scaricare e compilare per rendere reale la querela “di massa” nei confronti del governo Letta e del precedente governo Monti. Un'idea nata e diffusasi su Facebook, dove ha raggiunto ormai oltre 15mila adesioni, e che ha trovato l'adesione e il sostegno gratuito di una serie di Studi Legali. “Il Governo italiano – si legge ancora nella denuncia – , il Parlamento tutto non hanno messo in atto provvedimenti, anche in forma assistenziale, tali da impedire che si succedessero i suicidi a causa della perdita del posto di lavoro, a causa della crisi economica che ha colpito duramente i piccolissimi artigiani, commercianti, agricoltori”,pensionati,disoccupati,padri di famiglia, madri di famiglia. Le prime indiscrezioni fanno ben sperare che la giustizia faccia il suo corso, sembra da voci vicine alla procura di padova dove la stessa procura di Padova stia indagando sulle ultime due legislature governative: il reato che stanno portando avanti e' “Probabile istigazione al suicidio” quindi sembra che Letta, Monti e company siano indagati? Questa domanda potrebbe trovare risposta in futuro: Secondo indiscrezioni, la Procura di Padova, con la collaborazione di altre procure italiane, ha aperto un fascicolo d’indagine nei confronti di numerosi ministri e parlamentari, con l’accusa di istigazione al suicidio. L’accusa si concentra maggiormente verso ministri e parlamentari delle ultime due legislature (Monti, Letta) che, attraverso i loro atti, scelte politiche e omissioni, avrebbero costretto decine e decine di imprenditori italiani al gesto più folle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog