Cerca

Presidente Renzi voterò per lei se ...........

Presidente Renzi voterò per lei se farà quanto segue… Gentilissimo Presidente Renzi, le faccio gli auguri per il suo incarico perché credo che ne avrà molto bisogno. Le dico subito che non sono un suo elettore, come il 99,7% degli italiani aventi diritto al voto. Non creda di averci incantato con le sue chiacchiere, con le sue promesse, con la fretta di fare, con le sue ministre (l’incarico di ministro va assegnato in base alle capacità, non al sesso), la sua bicicletta ecc., ecc.. Conosco cittadini fiorentini che non sono affatto soddisfatti di lei come sindaco. Mi auguro vivamente che riesca a rimettere in sesto questa Italia che voi, ripeto voi, politici avete distrutto e fatto distruggere dagli stranieri. Tuttavia le prometto che alle prossime elezioni, mi auguro per lei il più in la possibile, voterò per lei se riuscirà a fare le seguenti cose: 1) Far rientrare in Italia i due fucilieri di Marina. L’offesa subita dall’Italia è incommensurabile e forse non è compresa neanche dallo stesso governo italiano visto il generale disinteresse. I militari in servizio in acque internazionali su una nave italiana non possono essere trattenuti da alcun Stato straniero. La questione non riguarda solo il ministro degli Esteri; 2) Andare a parlare con la gente comune e farsi spiegare i problemi spiccioli perché chi arriva al governo si dimentica di queste cose credendo di avere altri problemi più importanti, ad esempio fare la legge elettorale, la cittadinanza agli immigrati (togliendola magari agli italiani), i matrimoni gay, andare a salvare i clandestini nel mediterraneo, tollerare l’uso e lo spaccio della droga, ecc. Forse non ce ne siamo accorti ma i problemi del cittadino non sono la legge elettorale o come eleggere il Presidente della Repubblica, ecc. sono ben altri e li conosciamo benissimo tutti, però voi spostate l’attenzione su altre cose, questi sono giochetti fatti nei secoli da migliaia di governati (una volta si faceva la guerra) ma ci cadiamo sempre; 3) Riordinare la giungla degli emolumenti, vitalizi, rimborsi spese, rimborsi elettorali, prebende, ecc. ai politici (in particolare quelli regionali), parapolitici, manager che fanno fallire le aziende di Stato, dipendenti delle ambasciate, (in cui un semplice autista o impiegato di infimo grado, e che produce pure poco, guadagna molto di più di un dirigente statale con 30 anni di onorata carriera e questo vale anche per dipendenti di Quirinale, Camera, Senato e Presidenza del Consiglio, ecc.) e chi più ne ha più ne metta. Siamo arrivati allo sbando completo; 4) Ridurre le tasse dirette e indirette, balzelli, sovrattasse, accise, ecc., ecc. in particolar modo alle aziende in difficoltà e alle famiglie in difficoltà. Pagare meno ma pagare tutti, ma in 70 anni non ci siamo riusciti, non ci posso credere. Se vuole farsi 60 milioni di amici elimini l’IMU che è la tassa più odiata dagli italiani e Monti non sarà mai abbastanza vituperato per averla introdotta; 5) Eliminare (non ridurre), ripeto eliminare gli sprechi, le spese inutili, le spese superflue e non necessarie (non devo dire io quali sono perché lo sapete benissimo anche voi e meglio di me) che sono incalcolabili, reimpiegando i fondi recuperati in favore delle famiglie italiane (che come noto non sono assolutamente tutelate dallo Stato Italiano). Cominciamo a eliminare le provincie. Finiamola di fare i poveri con le mani bucate; 6) Mettere ordine e un freno alla questione immigrati. Non possiamo prenderci in carico e mantenere chiunque riesca a raggiungere gli scogli di Lampedusa. Dobbiamo finirla! Non possiamo permetterci di mantenere gente a discapito del cittadino italiano. Ci sono in merito leggi assurde, vds ad es. la pensione ai genitori di immigrati con permesso di soggiorno; 7)Toglierci dalla testa la regolarizzazione delle coppie di fatto. Le coppie di fatto si sposino come gli altri; 8) Controllare severamente le attività svolte da cittadini extracomunitari, favorendo nel contempo il rilancio delle attività commerciali dirette da cittadini italiani; 9) Regolamentare l’uscita di capitali da parte degli stranieri. Sappiamo benissimo tutti cosa fanno certi commercianti stranieri, non devo certo spiegarlo io; 10) Cercare e scoprire gli evasori fiscali. Di modalità ce ne sono a bizzeffe (da escludere quella ridicola e vergognosa utilizzata dall’ufficio delle entrate a Cortina, io ne avrei licenziato l’ideatore); 11) Individuare i furbetti che fanno dichiarazioni dei redditi bassissime, avendo così anche ulteriori agevolazioni, a discapito di chi ne ha bisogno, pur avendo immobili di proprietà, macchine lussuose, magari a nome di figli o mogli (si mogli perché qualcuno ce ne ha più di una) nullatenenti, e tenore di vita elevato. Ormai questi controlli si possono fare in tempo reale; 12) Ridurre la burocrazia che è diventata insostenibile; 13) Mettere un limite alle prestazioni sanitarie gratuite facendo pagare per intero quelle oltre il limite. C’è gente che al primo dolorino si fa fare prestazioni sanitarie superflue e le fa fare anche ai parenti, non italiani, che non vivono in Italia. E infine quello più importante: 14) Inventare qualsiasi cosa pur di rilanciare l’occupazione, altrimenti fra un anno o due andremo a finire molto ma molto male. Mi raccomando non si inventi le paraculate della Fornero o peggio quelle del governo Monti. Come vede i suoi predecessori ne hanno combinate di tutti i colori riducendoci a un paese da non fare neanche più invidia a un cittadino del Bourkina Faso. Una volta potevate permettervi di fare qualsiasi legge per favorire l’amico o i propri votanti a discapito degli altri che ignari pagavano, ma adesso basta. Vorrei aggiungere altre cose ma quanto sopra mi pare sufficiente per adesso. Saluti Dott. Mario D’Este

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog